facebook rss

Coronavirus, proprietari chiusi in casa:
scia di furti nelle auto

LORETO - Topi d'auto in azione tra via Bramante e via Costa D'Ancona, nel bottino i pochi spiccioli trovati nei porta oggetti e tanti danni sui mezzi. Gli episodi segnalati ai carabinieri
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

 

Le auto parcheggiate, i proprietari chiusi in casa nel rispetto del decreto anti-Covid 19 e i topi d’auto in azione in strada. E’ successo ieri sera a Loreto. Tra via Bramante, via Costa D’Ancona, via Aldo Moro e la zona di Montorso sono state registrate le scorribande di qualche ladro che ha aperto gli sportelli delle vetture in sosta, dopo averli forzati, fuggendo per lo più a mani vuoti o con i pochi spiccioli trovati nei portaoggetti, in un caso 3 euro, in un altro 2 on il gettone dell’autolavaggio. Gli episodi, almeno 4, sono stati tutti segnalati ai carabinieri ma proprio per evitare di far uscire di casa i derubati in ottemperanza alle disposizioni governative le denunce non sono state formalizzate. «Quando mi sono accorto di quello che era successo – racconta A.L, 40 anni, il proprietario di una delle auto ‘scassinate’ – ho fermato la pattuglia dei carabinieri che stava passando davanti alla mia macchina, e ho raccontato il fatto ai militari. Hanno verificato quello che era accaduto però mi hanno consigliato di non andare in caserma. Ho raccontato il fatto anche sui social media, sul gruppo della mia città ed ho scoperto che altre 3 persone hanno ricevuto la mia stessa sorpresa, e nella stessa modalità, cioè macchina aperta messa sottosopra, ma l’autore del gesto non ha portato via nulla».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page