facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Estorsioni e interessi fino al 368%,
scacco matto all’usuraia:
sequestrati beni per 250mila euro

OPERAZIONE ARPIA della Guardia di Finanza, nei guai una donna di Santa Vittoria in Matenano. In due suoi appartamenti trovati gioielli, quadri e cambiali. Sigilli anche per una casa a Monte San Giusto
Print Friendly, PDF & Email

GdF-AP-1-1024x576

 

di redazione CF

E’ stata ribattezzata operazione ‘Arpia’ quella che ha portato la Guardia di Finanza a sgominare nel Fermano un giro di usura ed estorsione con interessi che arrivavano anche al 368% all’anno. Sequestrati beni per 250mila euro, tra cui un appartamento a Monte San Giusto. Al centro dell’indagine una donna di Santa Vittoria in Matenano, nei guai per estorsione, usura ed esercizio abusivo dell’attività finanziaria. Tutto è iniziato quando gli inquirenti hanno scoperto che la donna aveva prestato 33mila a una conoscente in difficoltà economica, richiedendo garanzie spropositate tra gioielli, quadri di valore e persino l’appartamento dove la vittima viveva.  Ed è stata la perquisizione in due appartamenti a Santa Vittoria in Matenano e a Grottazolina a confermare lo scenario. Nei due immobili dell’indagata le Fiamme gialle infatti hanno sequestrato diversi beni di valore.

GdF-AP-3-400x225Una collana in corallo e un anello d’oro bianco con brillante, ciascuno del valore di circa 7.500 euro, un quadro ad olio su tavola raffigurante la ‘Sacra Famiglia durante la fuga in Egitto’ ed un quadro ad olio su tavola raffigurante la ‘Madonna con Bambino e Santi’ (entrambi opere del pittore Iacopo Da Ponte, detto Iacopo Bassano, del XVI secolo, del valore complessivo di circa 20.000 euro), assegni bancari tratti da conti correnti accesi in 4 differenti istituti di credito e cambiali per complessivi 92.349 euro. E, ancora, scritture private relative a prestiti concessi per 87.250 euro, appunti manoscritti ed altra documentazione varia, verso le quali sono stati avviati gli approfondimenti.

 

GdF-AP-2-400x225In esecuzione del decreto del Gip del tribunale di Fermo, tutti i beni già sotto sequestro probatorio, tra cui un immobile a Monte San Giusto del valore di 120.000 euro, sono stati sottoposti a sequestro preventivo, in quanto acquisiti con l’attività di usura.
Ammonta quindi a poco meno di 250.000 euro il valore complessivo dei beni sottratti alla disponibilità dell’usuraia, che come già confermato anche dalle consulenze tecniche disposte dalla Procura di Fermo, richiedeva interessi oscillanti da un minimo del 157% ad un massimo del 368% su base annua.

GdF-AP-5-1024x554

GdF-AP-4-1024x677

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X