facebook rss

Si perde nella stazione ferroviaria,
la Polfer soccorre uno studente

LORETO - Il giovane anconetano girovagava per lo scalo ferroviario della città mariana non riuscendo a orientarsi sulla via da imboccare per raggiungere una palestra dove avrebbe dovuto effettuare una lezione
Print Friendly, PDF & Email

La stazione ferroviaria di Loreto

 

 

Perde il senso di orientamento nella stazione di Loreto. Gli agenti della Polizia Ferroviaria in servizio ad Ancona centrale sono intervenuti nella stazione ferroviaria della città mariana in soccorso di uno studente in difficoltà, avendolo visto girovagare per la stazione ferroviaria con aria confusa e preoccupata. La circostanza, unita alla giovanissima età del ragazzo, ha spinto i poliziotti, impegnati in alcuni controlli nella stazione lauretana, ad avvicinare il giovane, apprendendo che si era perso. Il ragazzo ha riferito agli uomini della Polfer che, dopo essere arrivato in treno da Ancona, ove risiede, non era riuscito a trovare la palestra dove avrebbe dovuto effettuare una lezione. La struttura sportiva, seppur a Loreto, si trova al di fuori dell’istituto scolastico e lui, studente al primo anno, oltremodo penalizzato dalla scarsa frequentazione dei luoghi, non era riuscito a trovarla, quindi aveva fatto ritorno in stazione. I poliziotti, dopo averlo rassicurato, hanno contattato la scuola e i genitori del minore, affidandolo, con il consenso della madre, ad un insegnante del plesso scolastico. L’episodio si inserisce nel bilancio dell’operazione denominata “Stazioni Sicure”, effettuata nella giornata di ieri dal Compartimento Polizia Ferroviaria per le Marche, l’Umbria e l’Abruzzo, che ha coinvolto tutti i presidi di Polizia Ferroviaria dislocati nelle tre regioni di competenza territoriale, ha visto 508 persone controllate, 120 bagagli ispezionati, 47 stazioni interessate, 5 contravvenzioni elevate. Nelle stazioni di Ancona Centrale e Perugia la Polfer si è avvalsa anche della collaborazione di unità cinofile. Gli Agenti nei controlli hanno utilizzato gli smartphone in dotazione, per il controllo in tempo reale dei documenti, e metal detector per l’ispezione dei bagagli sospetti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X