facebook rss

Sostegno alle famiglie
per i nuovi nati

LORETO – Il Comune conferma nel bilancio 2021 il bonus di 100 euro per acquistare beni e servizi negli esercizi del territorio
Print Friendly, PDF & Email

Loreto, palazzo comunale

 

 

È stato stanziato anche per l’anno 2021 il Bonus nuovi nati di Loreto: per tutti i nuclei familiari che nel corso di questo anno solare sono o saranno interessati da un evento nascita, è previsto un contributo economico di 100 euro da utilizzare per l’acquisto di beni e servizi presso gli esercizi commerciali del territorio. A darne notizia è l’Assessore ai Servizi Sociali Nazzareno Pighetti, che spiega come la misura di sostegno economico, per quanto simbolica, sia un’azione che intende ribadire l’attenzione dell’amministrazione comunale nei confronti della natalità: «Con questo intervento – dice Pighetti – vogliamo riconoscere il carico assistenziale ed economico che una nuova nascita comporta in un nucleo familiare, che deve riorganizzarsi sotto vari punti di vista, a prescindere dallo status economico». Infatti l’assegno spetterà di diritto a tutte le famiglie lauretane che avranno un bambino tra il 1 gennaio e il 31 dicembre di quest’anno, senza requisiti minimi di Isee ma semplicemente dimostrando la residenza del bimbo a Loreto e la cittadinanza italiana o il possesso del regolare permesso di soggiorno. La misura è destinata anche ai bambini adottati, purché l’atto di adozione sia avvenuto dopo il 1 gennaio di quest’anno e che il minore non abbia superato il primo anno di vita.

«La ratio del bonus – spiega ancora Pighetti – è che il primo anno di vita sia quello in cui il nucleo familiare deve sostenere un maggiore sforzo in relazione a tutto ciò che la nascita comporta: riorganizzazione familiare, ridefinizione degli equilibri, rivalutazione della situazione economica. Il tutto è stato acuito maggiormente dalla pandemia con tutte le restrizioni che ha comportato, che ha reso ancora più significativo l’appesantimento della quotidianità familiare’. Una misura che va a beneficio anche del commercio lauretano in quanto la condizione per l’erogazione del contributo è che sia speso in beni e servizi venduti in negozi del territorio comunale. I genitori potranno acquistare, tra le altre cose, medicinali con prescrizione pediatrica, prodotti per l’alimentazione, pannolini, prodotti specifici per l’igiene, indumenti intimi, vestiti, rette per servizi territoriali di prima infanzia. Presentando presso gli Uffici Comunali lo scontrino fiscale o il documento di vendita recante il dettaglio delle spese sostenute, verrà effettuato il rimborso o tramite Iban o tramite la Tesoreria comunale. “Complessivamente sono stati stanziati 4000 euro – conclude Pighetti – siamo fiduciosi che la cittadinanza vorrà cogliere questo messaggio di sostegno alla famiglia e alla natalità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X