facebook rss

Mancini, c’è il rinnovo del contratto:
sarà ct della Nazionale fino al 2026

L'ALLENATORE jesino, testimonial della Regione Marche, per altri cinque anni alla guida degli Azzurri
Print Friendly, PDF & Email

 

Roberto Mancini, ct della Nazionale di calcio e testimonial delle Marche

 

Roberto Mancini ct della Nazionale fino al 2026. Il rinnovo del contratto per altri cinque anni è stato ufficializzato oggi dal presidente della Federcalcio Gabriele Gravina al termine del consiglio federale. Un’intesa già raggiunta da giorni, a cui mancavano solo i crismi dell’ufficialità. Una scelta voluta per dare continuità al lavoro iniziato dall’allenatore di Jesi tre anni fa, quando ha preso la selezione azzurra che non era riuscita a centrare la qualificazione ai Mondiali in Russia per poi guidarla in un percorso esaltante che ha portato alla qualificazione ai prossimi Europei e alla finale della Nations League, collezionando 24 risultati utili consecutivi e avvicinandosi alle strisce positive ottenute da due allenatori che hanno portato l’Italia a vincere i campionati del Mondo (Lippi 25, Pozzo 30). E così Mancini, chiamato ad ufficializzare entro stasera la lista dei giocatori che prenderà parte alla manifestazione continentale (la partita inaugurale a Roma contro la Turchia prevista per l’11 giugno), ha visto riconosciuto il suo ottimo lavoro alla guida della selezione azzurra e potrà dare continuità al progetto iniziato. «Sono molto felice, ringrazio la Figc e il presidente. È un bellissimo momento» ha detto il ct, che nei giorni scorsi si è anche legato alle Marche come testimonial ufficiale e protagonista della campagna pubblicitaria turistica per far conoscere la regione nel mondo.

Mancini volto delle Marche al costo di 290mila euro

Mancini promuove le “sue” Marche: «Milioni di persone aspettano di visitarle» (Foto)

Primo ciak per il ct Mancini come testimonial delle Marche

Mancini testimonial, firmato l’accordo «Porterà le Marche nel mondo»

Il ct della Nazionale Roberto Mancini è il nuovo testimonial delle Marche

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X