facebook rss

Sicurezza alimentare,
i webinar Copagri e Cia
fanno centro

SALUTE - In un mondo globalizzato i prodotti agroalimentari sono soggetti a cicli continui di contraffazione e truffe. E seppur le notizie sembrano di facile “raggiungimento” grazie ad internet, la normativa risulta molto complicata e di difficile comprensione
Print Friendly, PDF & Email

copagri-bandiera

Hanno avuto una grande partecipazione gli incontri online, sulla piattaforma zoom, totalmente gratuiti ed aperti a tutti sul tema “sicurezza alimentare”. Ciò sottolinea l’importanza e l’esigenza di dedicare momenti di incontro tra produttori e consumatori. Gli eventi sono stati tenuti da Copagri Marche, Copagri Ancona, Cia Service Group, Marca di Ancona Cia, Cia Pesaro-Urbino, con la Camera di Commercio Marche.

«In un mondo globalizzato i prodotti agroalimentari sono soggetti a cicli continui di contraffazione e truffe. E seppur le notizie sembrano di facile “raggiungimento” grazie ad internet, la normativa sulla sicurezza alimentare risulta molto complicata e di difficile comprensione – spiegano da Copagri Marche – L’Italia, da sempre nelle prime posizioni per reputazione nel campo agroalimentare in termini di qualità, è sicuramente vittima di certe situazioni. Il consumatore dovrebbe essere informato sul fatto che la qualità non si ottiene solo dalle proprietà organolettiche, intrinseche o estrinseche dell’alimento, ma anche grazie ad una lavorazione sana, certificata da enti accreditati e svolta in totale sicurezza».

A riguardo l’obiettivo che si sono prefisse Copagri Marche, Copagri Ancona, Cia Service Group, Marca di Ancona Cia, Cia Pesaro-Urbino, grazie anche al fondamentale aiuto della Camera di Commercio Marche, è quello di informare il consumatore per valorizzare le produzioni di qualità della regione Marche, organizzando un ciclo di dodici webinar interamente dedicati alla sicurezza alimentare dal punto di vista psicologico, scientifico e di etichettatura. Molti sono stati i relatori esperti e professionisti nelle varie materie che sono intervenuti, ma un plauso speciale va alla facoltà di Agraria, dell’Università Politecnica delle Marche, Dipartimento di scienze e tecnologie alimentari diretto dal professor Massimo Mozzon che da anni forma i nuovi tecnologi alimentari. Queste ultime sono figure fondamentali per la consulenza sulla sicurezza alimentare di cui ogni azienda agroalimentare dovrebbe usufruire.

Gli incontri che si sono svolti hanno trattato diversi argomenti: l’etichettatura del miele e derivati, scegliere come alimentarsi, saper leggere un’etichetta bio, l’etichettatura della pasta, la conservazione degli alimenti ed aspetti correlati. Gli eventi sono stati accreditati dall’Ordine dei dottori agronomi e forestali delle Marche, dai Collegi dei periti e agrotecnici/agrotecnici laureati marchigiani. La serie di eventi si concluderà il 28 maggio, con inizio alle 15, sempre sulla piattaforma zoom, su “Cibo tra riduzione degli sprechi e sostenibilità alimentare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X