facebook rss

‘L’arte che Salva’,
protagonista il bello

LORETO - Il vernissage dell’esposizione, che si tiene presso il Museo-Antico Tesoro della Santa Casa, in Piazza della Madonna, è previsto per domani pomeriggio alla presenza delle maggiori autorità regionali e cittadine.
venerdì 6 Ottobre 2017 - Ore 20:15
Print Friendly, PDF & Email

Un viaggio affascinante a cavallo tra il Quattrocento e il Settecento, alla scoperta dell’arte salvifica dedicata alla predicazione. I nomi sono assolutamente prestigiosi: Crivelli, Lotto, Guercino. L’appuntamento è di quelli da non perdere, come ultimamente accade sempre più spesso nelle mostre allestite nella città mariana. Loreto ancora una volta protagonista della grande arte con la Mostra ‘L’arte che Salva’, voluta dalla Regione Marche, dall’Anci e dal Ministero dei beni e delle attività culturali in collaborazione con il Comune e Delegazione Pontificia della Santa Casa.

Il vernissage dell’esposizione, che si tiene presso il Museo-Antico Tesoro della Santa Casa, in Piazza della Madonna, è previsto per domani pomeriggio (sabato 7 ottobre, ndr) alle ore 17:30 alla presenza delle maggiori autorità regionali e cittadine. La Mostra apre il ciclo di eventi ‘Mostrare le Marche’, il progetto Biennale della Regione Marche che prende il via con Loreto e vede, nel 2017, ulteriori mostre a Macerata e Ascoli Piceno e, nel 2018, le tre rassegne espositive di Fermo, Fabriano e Matelica. I sei eventi d’arte nascono con l’intento di valorizzare nel biennio 2017-2018 il patrimonio culturale delle aree colpite dal sisma, attraverso la promozione di attività espositive realizzate utilizzando le opere d’arte provenienti dai musei e dalle collezioni pubbliche ed ecclesiastiche interessate dall’ultimo terremoto, e messe in sicurezza presso i depositi attrezzati del Mibact.

Nello specifico, ‘L’arte che salva. Immagini della predicazione tra Quattrocento e Settecento. Crivelli, Lotto, Guercino’ è una mostra tematica che approfondisce la produzione artistica legata al fenomeno delle predicazioni, appunto. Il percorso artistico comprende 41 oggetti fra dipinti, sculture, manoscritti e volumi provenienti dalla Regione Marche, con un nucleo significativo di opere salvate dal terremoto del centro Italia.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X