facebook rss

Saltano sul tettuccio di un’auto
nei guai tre giovanissimi

SENIGALLIA - Due ragazzi e una ragazza, dei quali uno minorenne, sono stati identificati dai carabinieri dopo aver danneggiato una vettura in sosta alla stazione. A incastrarli sono stati anche i filmati delle telecamere comunali
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri di Senigallia durante alcuni controlli (Repertorio)

 

 

Erano stati visti mentre saltavano sopra al tettuccio di un’auto parcheggiata nei pressi della stazione ferroviaria. Ad avvisare il 112, giovedì notte intorno alle 22, era stato l’autista di un pullman.
Sul posto sono giunti immediatamente i carabinieri che, dopo aver raccolto la testimonianza dell’uomo che li aveva notati dallo specchietto retrovisore, hanno iniziato subito le ricerche.
Il lavoro meticoloso dei militari dell’Arma ha portato immediatamente i risultati attesi permettendo poco più tardi di rintracciare i tre ragazzi, uno dei quali è risultato minorenne. Tutti identificati, il gruppo era composto da un senegalese e un ragazzo e una ragazza con cittadinanza italiana.
Per accertare però che fossero proprio loro i responsabili, il lavoro dei carabinieri è stato ancora più meticoloso. I militari hanno infatti, nel giro di breve, preso e osservato tutti i filmati delle vicine telecamere comunali riuscendo a ricostruire con esattezza l’accaduto. Una di queste aveva infatti filmato la scena proprio mentre i tre si divertivano a danneggiare la vettura in sosta. Nel pomeriggio è stato dunque appurato che i tre ragazzini identificati ieri notte, erano i responsabili del danneggiamento causato all’auto di una donna la quale, a causa dei salti fatti sulla carrozzeria, aveva riportato diverse ammaccature oltre al tettuccio piegato nonché danni per diverse centinaia di euro.
La proprietaria dell’auto è stata quindi invitata a sporgere denuncia mentre per i tre ragazzini la querela che ne seguirà sarà per danneggiamento.
L’ottimo risultato delle indagini dei carabinieri, arrivato in meno di 24 ore dall’accaduto, è stato reso possibile anche grazie alla collaborazione dell’autista del pullman che, nel vedere quanto stava accadendo, ha chiamato immediatamente le forze dell’ordine.

al. big.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X