facebook rss

Si allacciano all’impianto elettrico
dell’ascensore condominiale:
denunciata una coppia

ANCONA - I carabinieri hanno deferito all'aatorità giudiziaria il 32enne e la 26enne ritenendoli responsabili del furto di energia elettrica. In via Marconi controllata una 71enne alla guida con un tasso alcolemico due volte e mezzo il limite consentito dalla legge
Print Friendly, PDF & Email

 

Si mette alle guida con un tasso alcolemico due volte e mezzo il limite consentito dalla legge, per la 71enne è scattata la denuncia. E’ stata deferita all’autorità giudiziaria anche una coppia per un allaccio abusivo alle rete elettrica dell’ascensore condominiale. E’ il bilancio dei controlli svolti durante il fine settimana, dai Carabinieri della Compagnia di Ancona che hanno denunciato in stato di libertà 3 persone, ritenuti autori, a vario titolo, di reati. Il primo episodio nella nottata di venerdì, quando i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile sono intervenuti in Via Marconi, ove si era verificato un incidente stradale con feriti lievi. Gli uomini dell’Arma, nello svolgimento dei rilievi, hanno subito intuito come la conducente di un veicolo coinvolto, una 71enne del posto, potesse aver abusato di sostanze alcoliche, decidendo così di sottoporla ad accertamento etilometrico. L’esito è stato impietoso: tasso pari a 1.24 g/l (il limite di legge è 0.50) e patente ritirata.

Nella mattinata di ieri, invece, i militari della Stazione di Ancona Brecce Bianche hanno deferito in stato di libertà due coniugi – un 32enne e una 26enne, anconetani di origine tunisina – ritenuti responsabili del furto di energia elettrica. I militari hanno infatti accertato come i due, per diversi mesi, avessero collegato, con un cavo, l’impianto elettrico del proprio appartamento a quello del vano ascensore condominiale, cagionando un danno patrimoniale quantificabile in svariate centinaia di euro. All’esito degli accertamenti, per la coppia è stata inevitabile la denuncia alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X