facebook rss

Violenze e minacce alla moglie,
arrestato per maltrattamenti

MONTE SAN VITO - In manette un 45enne. La donna, dopo l'ennesimo episodio, ha chiamato i carabinieri che arrivati a casa della coppia hanno cercato di calmare il marito. Lui, nonostante la presenza dei militari, ha continuato ad inveire sulla consorte tirandole anche degli oggetti
lunedì 20 febbraio 2017 - Ore 08:43
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

AGGIORNAMENTO DELLE 13

L’arresto del 45enne è stato convalidato questa mattina al tribunale di Ancona. L’uomo è stato rimesso in libertà con il divieto di avvicinamento alla casa familiare. Davanti al giudice, Alberto Pallucchini, ha chiesto scusa dicendo di amare la moglie e sottolineando che si era innervosito. Ai carabinieri aveva riferito di aver perso 400 euro alle slot machine e di essersi poi ubriacato. Processo il 6 aprile. 

 

Minacce di morte e uso della violenza contro la moglie, al punto di farla finire al pronto soccorso. Terrorizzata la donna, all’ennesimo maltrattamento, ha chiamato i carabinieri e il marito è stato arrestato. Vittima una giovane di Monte San Vito che sabato scorso, in serata, ha fatto il 112 chiedendo aiuto ai militari. Era in casa con l’uomo, un 45enne albanese, ubriaco. Lui la minacciava di morte tirandole degli oggetti addosso. La centrale operativa di Jesi ha mandato sul posto una pattuglia della stazione di Chiaravalle, guidata dal maresciallo Domenico Maurelli. I militari hanno visto subito una situazione di pericolo. L’uomo, nonostante la presenza dei carabinieri, continuava ad infierire sulla moglie. A nulla sono valsi i tentativi dei militari di far tornare l’uomo alla calma. Al lancio degli oggetti contro la donna i carabinieri lo hanno bloccato e arrestato per maltrattamenti in famiglia e lesioni volontarie. La donna ha avuto bisogno delle cure del pronto soccorso con una prognosi di 10 giorni. Il 45enne è stato portato in caserma in una cella di sicurezza. Questa mattina è attesa la direttissima in tribunale, ad Ancona. La donna è stata accompagnata in una struttura protetta.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X