facebook rss

L’ingegnere della società Autostrade:
“Hanno ceduto i sostegni provvisori”

DRAMMA A14 - Parla Giovanni Scotto Lavina il tecnico incaricato dalla società Autostrade di seguire i lavori
venerdì 10 Marzo 2017 - Ore 15:28
Print Friendly, PDF & Email

Il pm Irene Bilotta con i tecnici della società autostrade (Foto Giusy Marinelli)

 

“E’ andata in crisi la struttura dell’insieme dei sostegni provvisori del ponte”. Così l’ingegnere Giovanni Scotto Lavina, responsabile del procedimento di Autostrade per l’Italia, a proposito del ponte crollato ieri in A14 a Camerano (Ancona). Il tecnico della società Autostrade esclude il cedimento del ponte in sè, piuttosto conferma la tesi secondo cui sarebbero crollati i sostegni provvisori utilizzati per l’operazione di sollevamento della struttura (leggi l’articolo). Il ponte infatti andava adeguato per l’ampliamento della terza corsia dell’A14. Scotto Lavina ha parlato con i giornalisti a margine di un sopralluogo lungo l’A14. “Stiamo facendo gli accertamenti del caso – ripete -: il ponte è andato in crisi per i motivi che dovremo appunto accertare. La struttura di sostegno provvisorio è rimasta integra, questo ci teniamo a dirlo. E’ una struttura in calcestruzzo: non è andata in crisi la struttura di calcestruzzo che sosteneva le travi fino all’inizio delle operazioni di sollevamento del cavalcavia. E’ andata in crisi la struttura dell’insieme dei sostegni provvisori” riferisce Scotto Lavina, nelle dichiarazioni rilasciate all’Ansa.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X