facebook rss

Studentessa sorpresa ai giardini
con la marijuana, giovani in auto
ubriachi e sotto l’effetto di droghe

CONTROLLI - Nella giornata di ieri i carabinieri della compagnia di Osimo hanno battuto il territorio di Loreto, Filottrano e Numana
venerdì 12 Maggio 2017 - Ore 14:47
Print Friendly, PDF & Email

La marjiuana e il grinder sequestrati

Nella giornata di ieri, i carabinieri della Compagnia di Osimo, hanno svolto un mirato servizio finalizzato alla prevenzione e la repressione dello spaccio e l’uso di sostanze stupefacenti, con particolare attenzione a l’uso da parte dei minori e alla guida sotto l’influenza di sostanze psicotrope e abuso di alcol.

In particolare a Loreto i militari della locale Stazione, nella mattinata di ieri, hanno controllato nel parco di via Bersaglieri d’Italia, una studentessa di 16 anni, nativa di Foggia, intenta a fumare uno spinello di marijuana. Alla vista dei militari, la ragazza ha tentato di disfarsi dello spinello e di occultare una busta contenente dell’altra marijuana per un totale di 1,5 grammi e un grinder in metallo, il tutto sottoposto a sequestro. I militari operanti hanno proceduto a segnalare la minorenne alla Prefettura di Ancona come assuntrice di sostanze stupefacenti per uso personale. La studentessa è stata poi riaffidata alla famiglia.

Gli stessi militari, sono poi intervenuti in via Villa Papa, per soccorrere un 50enne di Castelfidardo, non sposato e pregiudicato, che, alla guida della sua Bmw, era finito fuori strada in mezzo ad un campo. L’uomo era talmente, altamente ubriaco, da non riuscire a restare in piedi da solo. E’ risultato positivo all’accertamento alcolemico per il valore illegale di 2,50 g/l (la soglia di legge è 0.50 g/l). Inevitabile la denuncia per guida in stato di ebbrezza alcolica responsabile di sinistro stradale. Il 5 è stato preso in cura da un amico, invitato sul posto dai carabinieri. Il fidardense mentre usciva dalla caserma, in preda ai fumi dell’alcol, ha gridato la sua innocenza, asserendo che avrebbe chiesto giustizia al tribunale di Ancona. Intanto però gli è stata ritirata la patente di guida, mentre l’auto, risultata anche sprovvista della copertura assicurativa dal mese di gennaio 2016, è stata sottoposta a fermo amministrativo finalizzato alla confisca e affidata in custodia a ditta convenzionata.

foto d’archivio

Nel corso di un posto di controllo in via Italia, a Filottrano, i militari hanno proceduto al fermo e al controllo di un’autovettura Ford Fiesta. Il conducente, un cuoco incensurato di 21 anni e del posto, era in evidente stato di alterazione psico-fisica. Al termine degli accertamenti, è stato accompagnato al Pronto Soccorso dell’ospedale di Osimo per essere sottoposto alle analisi tossicologiche, che confermavano come il ragazzo avesse assunto cannabinoidi. Il giovane filottranese 21enne è stata denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona per il reato di guida in stato di alterazione psicofisica per l’uso di sostanze stupefacenti. Gli è stata ritirata la patente di guida per la trasmissione al Prefettura di Ancona per i provvedimenti di competenza, con il conseguente sequestro del veicolo.

Infine a Numana, la pattuglia di pronto intervento del Radiomobile ha denunciato in stato di libertà per il reato di guida in Stato di alterazione psicofisica per l’uso di sostanze stupefacenti un operaio 26enne di Numana, anche lui incensurato. Nella tarda serata di ieri, il giovane era finito fuori strada sulla Sp 2 ‘Sirolo-Senigallia’ sul territorio comunale di Camerano, alla guida della propria Fiat Panda. Accompagnato presso il Pronto Soccorso dell’ospedale di Osimo per essere sottoposto alle analisi tossicologiche, si scopriva che si era messo alla guida dopo aver assunto oppiacei. Pertanto gli è stata ritirata la patente di guida e sequestrato il veicolo.

La caserma dei carabinieri di Osimo

Nell’arco dei servizi preventivi, sono stati controllati complessivamente 103 veicoli, 110 persone ed elevate 18 contravvenzioni al codice della strada per violazioni varie quali: omessa copertura assicurativa, omesso uso delle cinture di sicurezza, uso continuo e smodato del telefonino durante la guida, dimenticanza dei documenti di guida, violazione dei limiti di velocità con accertamento tecnico autovelox-telelaser. Sono state altresì eseguite 10 perquisizioni sul posto a soggetti di interesse operativo e controllati 20 persone sottoposte agli arresti e alla detenzione domiciliare

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X