facebook rss

Esce acqua pulita e buona
dai rubinetti di Camerano

ORO BLU - Tra i progetti illustrati dall'assessore Costantino Renato è in fase di ultimazione l’ampliamento della rete delle condotte fognarie nella zona Nord del Comune per raccogliere gli scarichi di via Lauretana, della zona San Germano a valle di via del Galletto e della zona a valle di via Boranico.
martedì 23 Maggio 2017 - Ore 15:23
Print Friendly, PDF & Email

Una veduta panoramica di Camerano

A conclusione di un incontro con il direttore di Multiservizi, è stato possibile tracciare il quadro complessivo della situazione dei servizi idrici nel territorio comunale e quindi fare chiarezza sulla sicurezza, la provenienza e le caratteristiche dell’acqua di Camerano .“Dagli 88 campionamenti che hanno analizzato circa 8084 parametri, è emerso che non ci sono particolari criticità e che l’acqua del rubinetto ha dei valori che la qualificano ‘medio minerale’, particolarmente buona, con ottime qualità organolettiche – fa sapere l’assessore Costantino Renato – Multiservizi effettua controlli sulla qualità dell’acqua presso i punti di prelievo delle acque, presso gli impianti di adduzione, di accumulo e presso le reti di distribuzione. Periodicamente le sorgenti e i pozzi sono controllati dal laboratorio analisi aziendale, certificato Iso 9001, e dalle Autorità Sanitarie che garantiscono il rispetto dei parametri previsti per legge. In particolare dalle analisi è emerso che ci sono ragionevoli quantità di Calcio (mg/l 107.2), molto minori rispetto ad alcuni marchi molto reclamizzati sui media, e che tutti gli altri componenti possono considerarsi entro i limiti di legge e nella media rispetto ad altre qualità di acqua commercializzate in bottiglia: Magnesio mg/l 13.5 (il calcio e il magnesio concorrono insieme a definire la durezza dell’acqua. La loro concentrazione è in funzione della tipologia del terreno che l’acqua attraversa), Sodio mg/l 25.8, Potassio mg/l 2, Cloruri mg/l 42, Solfati mg/l 75.3, Nitrati mg/l 12.8, ph 7.4 (ph caratterizza l’acqua in base alla sua acidità), Conducibilità us/cm 673 (la conduttività misura la quantità totale di sali minerali disciolti nell’acqua), Residuo fisso mg/l 451 (il residuo secco rappresenta il contenuto salino totale dell’acqua), Floruri mg/l 0.39, Durezza °F 32 (la durezza misura in gradi francesi il contenuto totale dei sali di calcio e magnesio)”.

Una delle domande più frequenti riguarda la durezza dell’acqua per la presenza del calcio. L’acqua distribuita da Multiservizi a Camerano ha una durezza di 32°F (gradi francesi). “Quando l’acqua viene riscaldata a temperature oltre i 60° – spiega l’assessore – il calcio precipita e si deposita sulle apparecchiature domestiche e con il tempo può logorarle. Molti ricorrono all’utilizzo di congegni per abbattere la quantità di calcio, questo può essere utile per il mantenimento di lavatrici e lavastoviglie ma non è consigliabile per l’uso alimentare. L’odore di cloro che si sente talvolta è dovuto al cloro aggiunto per rispettare le norme di legge sulla sicurezza igienico sanitaria dell’acqua distribuita. Su diversi punti della rete si trovano apposite centraline di clorazione che regolano il dosaggio, pur minimo, da immettere in rete. Alcune abitazioni possono avvertire nell’acqua del rubinetto la presenza di cloro, è sufficiente però lasciare decantare l’acqua in una caraffa per qualche minuto per far svanire la presenza di questo elemento. E’ in progetto la creazione di impianti per la purificazione attraverso raggi ultravioletti che andranno a sostituire il cloro”.

L’assessore Costantino Renato

Per quanto riguarda le fonti di approvvigionamento dell’acqua, che variano percentualmente a seconda dei periodi dell’anno, sono individuate in: 55%-60% fornite da Gorgovivo da Monte Zoia, da via Zingari, da via Gradina/San Germano e da via Fontanelle (in aumento rispetto al 2011 nel considerando che veniva fornita da Gorgovivo solamente il 20-40% di acqua); 20%-15% dai Pozzi Betilico, Coppo e “pozzo profondo” (nel 2011 era del 25-30%); 25% dalla Diga di Castreccioni (in diminuzione rispetto al 2011 considerando che la Diga forniva il 30-55% di acqua). “La dotazione pro-capite di acqua a Camerano è di circa 225 litri al giorno per abitante – specifica inoltre Costantino Renato – Per quanto riguarda i servizi infrastrutturali e di copertura del servizio sul territorio comunale si può ricapitolare in 83 km di reti d’acqua e km 52 di reti fognarie. Il servizio di acquedotto copre il 100% della popolazione, la copertura del servizio di fognatura è del 91%, mentre dal copertura del servizio di depurazione è del 79%”. E’ in fase di ultimazione l’ampliamento della rete delle condotte fognarie nella zona Nord del Comune per raccogliere gli scarichi di via Lauretana, della zona San Germano a valle di via del Galletto e della zona a valle di via Boranico. L’ampliamento riguarda 6 nuovi chilometri di condotte fognarie e 3 nuove stazioni di sollevamento che trasporteranno l’acqua reflua direttamente al depuratore. L’investimento complessivo, in attesa da anni, è di 2.660.000 euro”.

E’ previsto inoltre il progetto per l’importo di 2.127.149 euro per l’estensione della rete fognaria nella zona Sud-Ovest del Comune (via Direttissima del Conero) per raccogliere gli scarichi della zona Umbriano, per il nuovo ospedale e varie opere di facilitazione di raccolta reflui. Obiettivo di questo secondo progetto è anche quello di convogliare a depurazione gli scarichi fognari di via Alighieri, via Abbadia e Colle Lauro, estendere la rete fognaria di Via Loretana e via Salette così da prevedere gli allacci alla fognatura sia delle zone esistenti, sia di future e già previste urbanizzazioni. Il depuratore, che è in funzione dal 1989, è stato ampliato per avere una capacità di 33.000 abitanti equivalenti ed è stato oggetto di sostituzione di alcune apparecchiature per aumentare l’efficienza e diminuire il consumo energetico; serve oltre che Camerano, la zona Sud di Ancona e Portonovo per un totale di circa 2.500.000 metri cubi annui di acque reflue depurate. “In tema di guasti alle condotte, si ricorda a tutti i cittadini di segnalare tempestivamente al numero di pronto Intervento 800.18.15.77, attivo 24 ore su 24, qualsiasi danneggiamento che genera una perdita d’acqua. – rammenta l’assessore di Camreno – Il Pronto Intervento interviene sul posto con un tecnico disponibile che valuta la situazione e predispone la riparazione. Nel caso in cui si valuti che la riparazione possa durare diverse ore, quindi è di un certa entità, si avvisano anche i residenti, in caso contrario si cerca di concludere rapidamente per ridurre al minimo i disagi”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X