facebook rss

“Incendio di Serra San Quirico,
abbiamo rischiato grosso”

ANCONA – Il sindacato autonomo dei vigili del fuoco denuncia la mancanza di mezzi e uomini. Luconi: “Non si può affrontare in questo modo l'emergenza incendi”
domenica 18 Giugno 2017 - Ore 17:30
Print Friendly, PDF & Email

L’intervento di ieri pomeriggio sul monte Murano

 

Venti uomini, cinque automezzi, l’elicottero da Pescara, un battaglia contro le fiamme durata tutto il pomeriggio e vinta solo dopo ore che alla fine ha mandato in fumo circa 3 ettari di bosco. Ma le conseguenze del rogo di ieri pomeriggio sul monte Murano, nel parco della Gola della Rossa (leggi l’articolo), potevano essere ben peggiori. E’ quanto afferma il sindacato autonomo dei vigili del fuoco Conapo, denunciando la mancanza di uomini e risorse per la lotta agli incendi. “L’imponente incendio boschivo a Serra San Quirico in provincia di Ancona ha impegnato per quasi tutto il giorno diverse squadre di vigili del fuoco e questo ha messo a rischio il soccorso pubblico ai cittadini in una parte della provincia di Ancona. Non si può pensare di affrontare in questo modo l’emergenza incendi” sottolinea il segretario marchigiano Conapo Mirco Luconi, spiegando che “sono stati impiegati tutti i vigili del fuoco di Fabriano, Jesi e Arcevia scoprendo quelle zone e mettendo a rischio chi eventualmente avesse avuto bisogno del soccorso dei pompieri in tempi rapidi. Tanto è vero che per affrontare poi un concomitante incendio autovettura a Fabriano una squadra ha dovuto lasciare allontanarsi dall’ incendio di bosco. Stessa cosa per un soccorso a una persona a Cupramontana sono dovuti arrivare i pompieri di Osimo, forse qualcuno non si rende conto che per dare un soccorso adeguato bisogna essere nelle condizioni di prossimità e quindi di intervento in pochi minuti”. Il Conapo denuncia anche le difficoltà riscontrate dai vigili del fuoco impegnati nell’incendio che “hanno dovuto attendere oltre due ore per veder arrivare un mezzo aereo sull’incendio di bosco”. “Un pasticcio – aggiunge – determinato anche dalla legge Madia di soppressione del corpo forestale dello stato di cui vigili del fuoco hanno ereditato i compiti di lotta agli incendi boschivi senza un adeguato incremento numerico di personale”. Ma il sindacalista del Conapo non dimentica anche la “latitanza della regione Marche che non ha ancora adottato il piano della convenzione per potenziare il servizio boschivo dei vigili del fuoco”.

Fiamme sul monte Murano in fumo tre ettari di bosco (Video)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X