facebook rss

Cristiano Pirani alla guida
di Osimo Servizi (Video)

PARTECIPATE - Il nuovo presidente ed amministratore subentra al dimissionario Luca Marchegiani. Ecco le novità per i parcheggi nel centro storico
lunedì 26 Giugno 2017 - Ore 12:31
Print Friendly, PDF & Email
Osimo Servizi: parlano il sindaco Pugnaloni, l'ex amministratore Marchegiani, il nuovo amministratore Pirani e il nuovo componente del Cda Formenti

Un momento della conferenza stampa per la presentazione del nuovo Cda di Osimo Servizi spa

da sinistra Marchegiani, Pirani e Formenti

Cristiano Pirani è il nuovo presidente ed amministratore della Osimo Servizi S.p.a. Lo ha presentato stamattina a palazzo comunale poco dopo mezzogiorno, il sindaco di Osimo, Simone Pugnaloni. Pirani, già componente del cda subentra a Luca Marchegiani, presidente dimissionario (leggi l’articolo) rimasto in carica sino ad oggi con funzioni di ordinaria amministrazione. Completa il consiglio di amministrazione, il nuovo membro Moreno Formenti, confermata Franca Bartoli. Nel corso dell’incontro stampa è stato illustrato il resoconto dell’attività svolta dalla società nata dalla fusione di Park.O e Imos, nel suo primo anno di vita. Cristiano Pirani rappresenta la continuità perché era già membro della Cda di Osimo Servizi, insieme a Franca Bartoli che continuerà a farne parte. Per ricomporre il terzetto dei componenti del Consiglio di Amministrazione, dopo i saluti di Marchegiani, da venerdì scorso è stato nominato Moreno Formenti, già amministratore della Caggiari e con un ruolo attivo per le Marche durante l’Expo 2015.

L’assessora Federica Gatto con il sindaco, Marchegiani e Pirani

Tra le novità che la società partecipata del Comune di Osimo, con 38 dipendenti e diverse divisioni, si prepara a introdurre spiccano intanto i 2 nuovi scuolabus “per la sicurezza dei nostri bambini” ha sottolineato il sindaco e il rinnovo del parco automezzi del noleggio per il Gran Turismo. A questo si aggiungono il varo di un nuovo piano per la segnaletica stradale e l’installazione di pago-bancomat per altri parcometri. Proprio di recente Comune e Osimo Servizi hanno sottoscritto il nuovo contratto di global service per i servizi di trasporto scuolabus, parcheggi per i prossimi 9 anni e di 6 per la gestione del calore, scontato rispetto al preziario Consip. In questo settore sarà presto introdotto il sistema delle tele lettura con la sostituzione delle 6 vecchie centrali termiche (ad esempio quella di Osimo Stazione) che permetterà il monitoraggio dei consumi in tempo reale e garantirà un risparmio medio dei consumi pari al 25%. Per gli uffici del Palabellini si pensa invece all’installazione di un nuovo sistema di pompa di calore.

Passato e presente della Osimo Servizio spa: da sinistra Cristiano Pirani e Luca Marchegiani, attuale ed ex presidente-amministratore della società partecipata al Comune di Osimo

Sul fronte parcheggi, l’assessore alla viabilità ha annunciato l’imminente riorganizzazione della sosta in cento storico con l’introduzione degli stalli bianchi a disco orario nelle aree centrali e nel quartiere di San Marco, un disegno di parcheggi rosa e per diversamente abili al maxi parcheggio. “Stiamo collaborando con le associazioni di categoria e stiamo valutando le loro proposte – ha ricordato Federica Gatto – Nuovi interventi che possano rilanciare il salotto cittadino mantenendo però la natura organizzativa del piano parcheggi: cercare di liberare il centro storico dal traffico, deviandolo al maxi parcheggi mantenendo però la sosta veloce e l’alta rotazione dentro le mura”. L’assessora ha ricordato che le scelte sposate di allungare l’orario di permanenza dei veicoli al maxi parking abbassando il costo del ticket “hanno comportato minori introiti per la Osimo Servizi – ha sottolineato – come estendere l’apertura dal Tiramisù dalle 5 a mezzogiorno tutti i giorni ha comportato una spesa maggiorata di 20.000 euro. Ma di contro abbiamo registrato un forte aumento di ingressi al maxi parcheggio e ultimamente abbiamo visto che sono ripresi anche gli introiti dei parcometri dei posteggi a strisce blu del cento”.

Dopo la cancellazione della multina, con l’introduzione della multa da 25 euro (leggi l’articolo) ad aprile era stata segnalata una flessione negli incassi dei parcometri, “ma già a maggio i flussi si sono ristabiliti con lo stesso andamento degli anni precedenti. Questo significa che gli osimani hanno compreso il senso del nostro provvedimento” ha evidenziato la Gatto. Con l’introduzione di almeno 10 nuovi parcheggi a strisce bianche da individuare tra l’area centrale del cuore cittadino e il quartiere di San Marco, il Comune vorrebbe però apportare dei correttivi, già adottati anche da Comuni limitrofi e ammessi dalla normativa, che prevedendo la possibilità di un quarto d’ora di tolleranza per il disco orario scaduto prima che il vigil urbano stacchi  la multa dal blocchetto.

(m.p.c.)

(Servizio aggiornato alle 18)

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X