facebook rss

Esce di casa e si taglia le vene
in auto: lo salvano i carabinieri

FILOTTRANO - L'uomo, un 43enne di Osimo, si era fermato con la sua Punto in via Marinuccia. Era in una lago di sangue quando stanotte i militari sono riusciti a farlo uscire dalla vettura. Ora è ricoverato al Carlo Urbani di Jesi
martedì 27 Giugno 2017 - Ore 11:28
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

Esce di casa al volante dell’auto minacciando di farla finita. I carabinieri lo rintracciano alle 2 di stanotte in via Marinuccia nei pressi di Villa Spada a Filottrano e lo salvano perché aveva già messo in atto un gesto autolesionista. L’uomo, un disoccupato osimano di 43 anni era dentro una Fiat Punto e sullo sportello dell’auto c’erano vistose macchie di sangue. I militari di Filottrano sono riusciti a dominare una situazione-limite, ad aiutarlo ad uscire dal suo dramma e da una parentesi di profonda disperazione.

Dopo aver intimato all’uomo di scendere dal mezzo e avergli sentito urlare “…allontanatevi che voglio ammazzarmi…”, hanno capito che dovevano usare parole suadenti per calmarlo e disarmarlo. Il 43enne teneva infatti in mano una lametta da barba e presentava vistosi tagli all’avambraccio sinistro con copiosa fuoriuscita di sangue. Quando finalmente sono riusciti a fargli aprire lo sportello sono stati gli stessi carabinieri a prestargli i primi soccorsi tamponando le ferite per bloccare l’emorragia. Poi è arrivata l’ambulanza del 118.

L’uomo era ricercato da ore. Si era allontanato dalla propria abitazione minacciando il suicidio  e lasciando i familiari nell’angoscia. Ai carabinieri ha ribadito la volontà di morire per problemi di carattere familiare e di abuso di alcol. Scortato dai militari, il 43enne è stato accompagnato all’ospedale “Carlo Urbani” di Jesi, dove è stato ricoverato. Non è in pericolo di vita.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X