facebook rss

Il think tank Merloni a Portonovo
Letta: «Marche regione d’avanguardia
Scateniamo le energie» (Video)

ANCONA - La tavola rotonda con Letta, Prodi, De Bortoli e Gros ha avviato la tre giorni di "Rinasco", il progetto di sviluppo dei territori colpiti dal terremoto. Domani il ministro Franceschini a Fabriano
giovedì 20 Luglio 2017 - Ore 20:22
Print Friendly, PDF & Email
L'ex premier e presidente del comitato scientifico della fondazione Merloni Enrico Letta a Portonovo

Il convegno “Il destino dell’Europa” a La Fonte

A dieci anni esatti da una delle più potenti rivoluzioni tecnologiche, la nascita dello smartphone, e dalla più grande crisi finanziaria, il Comitato scientifico della Fondazione Aristide Merloni, guidato dall’ex premier italiano Enrico Letta si è ritrovato nella baia di Portonovo ad Ancona per riflettere sul futuro dell’Europa e sulla rinascita dell’Appennino. Ne hanno discusso insieme, oltre a Letta, Romano Prodi, Ferruccio De Bortoli  e Daniel Gros. Le parole magiche per la ripresa restano internazionalizzazione ed innovazione, ribadite da Letta, alle quali ha aggiunto «sperimentazione e legame con le comunità. Non a casa – sottolinea – siamo nelle Marche, una regione che è stata sempre all’avanguardia. È necessario scatenare energie».

Posti in piedi oggi pomeriggio all’auditorium della Fonte di Portonovo per il convegno “Destino dell’Europa” che ha aperto la tre giorni di studio promossa della Fondazione Aristide Merloni.

La platea dell’auditorium de La Fonte

Domani, 21 luglio, due i luoghi dei lavori. Sempre a Portonovo, al Fortino Napoleonico, con il focus sulla ricostruzione dell’Appenino dopo il sisma con la riunione “Rinasco” del Comitato scientifico della Fondazione. Rinascita del territorio attraverso progetti concreti che colgano il potenziale economico, identitario e culturale dell’Appennino colpito dal terremoto. «Un grande impegno di solidarietà internazionale, fuori da ogni schema burocratico o politico – così lo ha definito Letta -, voluto da Francesco Merloni che ha richiamato personalità della società civile italiane, europee, mondiali perché dessero ciascuno qualcosa per per realizzare nuovi servizi in quelle zone, per renderle di nuovo attrattive per chi vuole viverci e per chi vuole venirci a fare delle cose. In questo senso va il progetto di telemedicina finanziato dalla fondazione per San Ginesio. Perché l’Appennino non si spopoli e non sia stato il colpo di grazia di aree che già vivevano delle difficoltà».

Domani verranno anche presentati i risultati dell’analisi del Censis sul progetto “Rinasco – Sviluppo a medio termine delle aree interne dell’Appennino”, illustrati da Giuseppe De Rita, mentre Alberto Biancardi presenterà le mappe dinamiche per la sicurezza del territorio a cura di e-distribuzione (società del Gruppo Enel che gestisce la rete di bassa e media tensione) ed Ericsson. Seconda location della giornata Fabriano, all’Oratorio della Carità dove è atteso il ministro ai Beni ed alle Attività culturali, Dario Franceschini, per la visita al network delle Città Creative italiane con Irina Bokova, direttore generale dell’Unesco. Poi alle 12:30 alla Pinacoteca Civica “Molajoli”, l’inaugurazione del progetto artistico “Tavola Aurea” di Rossella Vasta.

Romano Prodi tra i relatori del convegno

La giornata finale del 22 luglio sarà caratterizzata dalla visita di Irina Bokova a San Ginesio, ai Giardini del Colle Ascarano, alle 17.15 e dall’evento di presentazione di due iniziative per il rilancio dell’Appennino. La prima relativa alle mappe dinamiche per la sicurezza del territorio, a cura di e-distribuzione ed Ericsson, che forniranno in tempo reale informazioni sulla posizione di elementi critici per i servizi dell’area, utili in caso di emergenza. La seconda è un “Health Point”, un progetto di telemedicina, un presidio sanitario che permetterà di svolgere esami clinici attraverso tecnologie digitali e dispositivi innovativi, sviluppato in collaborazione con Namirial. Appuntamento per il quale è attesa la presenza del presidente del Consiglio dei ministri Paolo Gentiloni.

(Foto e servizio video di Giusy Marinelli)

(A. C.)

 

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X