facebook rss

Ruba il telefonino al bagnino:
nei guai studente in vacanza

NUMANA - Il turista 20enne incensurato, a Numana con la madre ed il fratello, è stato incastrato dalle telecamere di videosorveglianza dello stabilimento Crazy Beach di Marcelli
sabato 19 Agosto 2017 - Ore 12:42
Print Friendly, PDF & Email

Studente incensurato, in vacanza a Numana con la madre il fratello, arraffa il telefonino del bagnino ma viene incastrato della telecamere della videosorveglianza e denunciato per furto aggravato. E’ successo ieri pomeriggio, verso le 15:30 circa, quando i carabinieri di Numana hanno risolto il giallo dopo aver acquisito i filmati delle spycam, a seguito della denuncia di un bagnino ucraino 21enne, vittima del furto del telefonino Samsung S6 del valore di 600 euro, lasciato in carica in una cabina dello stabilimento balneare Crazy Beach di Marcelli di Numana. Il giovane denunciante, dopo aver verbalizzato il furto subito, nel fare ritorno allo stabilimento balneare, aveva riconosciuto l’autore del furto che insieme ad un ragazzo ed una donna si stava allontanando a bordo di un’autovettura Ford Fiesta. Aveva informato prontamente i carabinieri che intervenuti sul posto avevano intercettato la Ford Fiesta, raggiunta dopo poco a Numana.

Eseguita una perquisizione sul posto, veicolare e personale, è stato subito rinvenuto e sequestrato il telefonino cellulare rubato nella tasca dei pantaloncini del giovane, ripreso anche della telecamere del lido e identificato per il 20enne B.G., nato e residente a Chieri in provincia di Torino, studente, incensurato. Nella circostanza, dai successivi accertamenti, è emerso che il giovane, con il fratello e la madre, si trovavano a Numana per trascorrere una settimana di vacanza. Il telefonino rinvenuto è stato restituito al legittimo proprietario, mentre il torinese è stato denunciato in stato di libertà per il reato di furto aggravato, inoltrando, contestualmente, anche la proposta per l’irrogazione della misura di prevenzione del Foglio di via obbligatorio per anni 3 dai comuni di Numana e Sirolo, alla competente Questura di Ancona.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X