facebook rss

II Guerra Mondiale, ossa di soldati
abbandonate in chiesa a San Paterniano:
“Dategli una degna sepoltura”

OSIMO - E' tornato a scrivere al console polacco di Ancona, Carlo Gobbi, insegnante di intere generazioni di scolari osimani e autore del volume storico "Quota 360, il monte della Crescia". Venti scheletri avvolti in sacchi sono stati dimenticati dal 1944 nella chiesetta del cimitero frazionale
lunedì 28 Agosto 2017 - Ore 18:01
Print Friendly, PDF & Email

Una foto della Liberazione di Osimo custodita al The Polish Institute and Sikorski Museum di Londra

Carlo Gobbi, insegnanti di intere generazioni di scolari osimani, e appassionato studioso di storia locale è tornato a rivolgersi console polacco di Ancona Cristina Gorajski e al sindaco di Osimo perché sia data “degna sepoltura ai resti dei soldati polacchi morti in territorio di San Paterniano nel periodo che va dal 1 al 17 luglio 1944. Non si possono, ancora, lasciare 20 scheletri, in una situazione precaria, dentro dei sacchi, all’interno della chiesetta del cimitero di San Paterniano. E’ doveroso dare una dignitosa sepoltura nello stesso cimitero” scrive sui social il maestro Gobbi, 85 anni, autore del volume “Quota 360, il monte della Crescia”.

Nel suo libro racconta il passaggio del fronte tra San Paterniano di Osimo e Offagna e lo scontro cruento tra le truffe tedesche e quelle polacche attraverso le immagini e le parole del diario di un sacerdote, don Fulvio Badaloni. Una battaglia che fu strategica per la liberazione della città ma anche del porto di Ancona. La lettera per sollecitare una giusta sepoltura alle ossa dei soldati polacchi è stata inviata anche ad Astea Servizi, che gestisce i servizi cimiteriali per conto del Comune di Osimo, e al responsabile dell’ufficio Anagrafe del Comune di Osimo. I soldati polacchi caduti nel comprensorio di Loreto, Osimo, Castelfidardo e Ancona furono in totale 536. Tutti giovanissimi, morti nei giorni dal 1 al 15 luglio 1944. Molti furono sepolti a Loreto.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X