facebook rss

‘Il mondo dei piccoli’, un asilo
aperto fino a sera per i bimbi
dei dipendenti dell’ospedale

ANCONA La nuova struttura è pensata per conciliare i tempi lavorativi di medici e infermieri dei presidi ospedalieri di Ancona con le necessità dei loro figli. La scuola materna sarà accessibile dalla 6.30 alle 21.30. E piace molto alle associazioni sindacali delle professioni sanitarie
giovedì 12 ottobre 2017 - Ore 17:57
Print Friendly, PDF & Email

Giuseppino Conti di Nursind

 

Si chiama “Il mondo dei Piccoli” ma è dedicato anche ai grandi. Sono infatti circa 1500 gli infermieri e 600 i medici delle strutture ospedaliere anconetane che potranno beneficiare della vicinanza di un nuovo all’asilo nido, pensato espressamente per i dipendenti che abbiano bisogno di conciliare i tempi lavorativi, spesso scanditi in turni, con quelli famigliari.

L’asilo, in via Esino, a poche centinaia di metri dal presidio ospedaliero sarà aperto dalle 6.30 alle 21.30, offrendo così un servizio adatto ai dipendenti degli ospedali. L’idea nasce grazie alla collaborazione delle associazioni Anaao-Assomed e Nursid, ai cui iscritti è rivolto il servizio. Oriano Mercante, segretario regionale del sindacato di Medici e Dirigenti Anaao-Assomed sottolinea l’utilità del servizio, ricordando che «già nel 2011 il Nursind, Sindacato delle professioni infermieristiche, promosse una raccolta firme per sensibilizzare la direzione alla realizzazione di un asilo interno al polo di Torrette».

«Questa convenzione – ha aggiunto Giuseppino Conti, segretario territoriale del Nursind – è una soluzione interessante ad un’esigenza molto sentita ed un primo passo verso quello che auspichiamo diventi un servizio sempre più diffuso e completo».«Se il servizio otterrà il gradimento che pensiamo – ha aggiunto Conti, candidato a consigliere del collegio Ipasvi, infermieri professionali, assistenti sanitari, vigilatrici d’infanzia per il cui rinnovo si voterà nel prossimo weekend – potremo non solo provare ad ampliarlo aldilà delle disponibilità attuale, ma estenderlo anche coinvolgendo altre strutture con le quali offrire tale opportunità in convenzione».

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X