facebook rss

Spiaggia di Mezzavalle, il comitato:
«Lavori entro fine anno o sarà troppo tardi»

ANCONA – In un bilancio di fine stagione estiva, l'associazione ha stilato una serie di criticità non ancora risolte. Tra queste, ci sono le docce e i bagni. Il Comune risponde con un progetto da 150mila euro, ma il cantiere va appaltato entro fine anno, altrimenti anche per la prossima estate sarà di nuovo "emergenza sanitaria"
mercoledì 1 Nov 2017 - Ore 19:16
Print Friendly, PDF & Email

Lo striscione apparso a giugno 2017 in spiaggia

 

Bagni adeguati, una maggior pulizia e il miraggio di non vedere più fuochi accesi in spiaggia.  Sono questi i propositi, ma anche le speranze da riporre per il prossimo anno, dichiarati da Mezzavalle Libera, il comitato che da anni si batte per la tutela di una delle spiagge più belle del Conero e che lo scorso giugno aveva fatto apparire lo striscione “Bagni Mezzavalle emergenza sanitaria”. In un bilancio di fine stagione, sono state trattate le questioni più spinose che hanno animato la passata stagione estiva ma anche le problematiche non ancora risolte. Tra queste, la situazione dei bagni e delle docce, affrontata dal comitato e dall’Amministrazione comunale lo scorso 28 settembre. «Nell’incontro – fa sapere Mezzavalle Libera – abbiamo appreso che nella programmazione triennale dei lavori pubblici 2017/2019 stati stanziati per l’anno 2017 euro 150 mila euro per la manutenzione straordinaria dei bagni di Mezzavalle (con demolizione e ricostruzione). Un’ottima notizia a patto che il Comune riesca ad indire un bando per l’aggiudicazione dei lavori entro e non oltre il 31/12/2017, altrimenti questi fondi già stanziati non sarebbero più spendibili e si perderebbero, con la conseguenza di non poter avere i nuovi bagni per l’estate 2018». Un prospettiva allarmante, viste le condizioni igieniche che hanno caratterizzato la spiaggia la scorsa stagione. Per quanto riguarda il capitolo fuochi, «quest’estate ne sono stati accesi moltissimi. Persone incuranti del forte rischio di incendi e del pericolo che i loro comportamenti possano causare ai frequentatori ed ai luoghi hanno preferito commettere questo grave reato per futili motivi. Proprio per arginare questo fenomeno abbiamo pensato di affiggere un apposito cartello all’inizio ed alla fine del sentiero e di incontrare la Capitaneria di Porto per chiedere una maggior collaborazione e maggior attenzione a questo problema». Il comitato, per salvare la spiaggia dall’incuria, ha preso l’impegno di incontrare il concessionario  che per altri 3 anni avrà la responsabilità del servizio di manutenzione e pulizia. Tra i punti dibattuti ci sarà il posizionamento di contenitori per la raccolta dei rifiuti in numero adeguato alla frequentazione; la rimozione di tutti i materiali spiaggiati e raccolta di qualsiasi tipo di rifiuto abbandonato sull’ arenile e nelle zone di accesso alla spiaggia; lo svuotamento dei contenitori e dei cestini porta-rifiuti programmata e comunque ogni volta se ne presenti la necessità.

Mezzavalle, chiusi anche i servizi igienici “E’ emergenza sanitaria”

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X