facebook rss

Con la cocaina in macchina
sul parcheggio
del distributore: denunciati

LORETO - I due uomini, un imprenditore di 52 anni e un 32enne di Jesi, sono stati controllati ieri pomeriggio dai carabinieri di Loreto. Dopo la perquisizione è saltata fuori la droga
martedì 21 Nov 2017 - Ore 14:33
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

Ieri pomeriggio a Loreto, i carabinieri della locale Stazione, insieme a quelli di Castelfidardo, nel corso di un servizio coordinato, hanno denunciato in stato di libertà per detenzione illegale di sostanze stupefacenti, due uomini. Si tratta dell’imprenditore 52enne B.M. nativo di Jesi ma residente a Maiolati Spontini, e il 32enne L.L., nato e residente a Jesi, entrambi già noti alle forze dell’ordine. Controllati sull’area di parcheggio del distributore di carburanti Discount sulla Statale 16 Adriatica nel Comune di Loreto, i militari hanno proceduto ad eseguire una perquisizione personale e veicolare a loro carico.

Sono stati trovati in possesso rispettivamente di 2 involucri di cellophane contenenti l’uno 2,4 grammi circa e l’altro 3,6 grammi circa di cocaina, sottoposta a sequestro. Al termine degli ulteriori accertamenti, per i due è scattata la denuncia alla Procura di Ancona ed è stata inoltre richiesta per l’irrogazione della misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio per anni 3 dai Comuni di Loreto e Castelfidardo, inoltrata alla competente Questura di Ancona.

Nell’arco dei servizi straordinari esterni eseguiti su tutto il territorio della Valmusone, sono stati controllati complessivamente 73 veicoli, 80 persone ed elevate 12 contravvenzioni al codice della strada per violazioni varie quali: omessa copertura assicurativa, omesso uso delle cinture di sicurezza, uso continuo e smodato del telefonino durante la guida, dimenticanza dei documenti di guida, violazione dei limiti di velocità con accertamento tecnico “autovelox-telelaser”. Sono state altresì eseguite 8 perquisizioni sul posto a soggetti di interesse operativo e controllati 20 persone sottoposte agli arresti e alla detenzione domiciliare.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X