facebook rss

Falsa operatrice dell’Inps
truffa e deruba una 79enne

CAMERANO - I carabinieri hanno denunciato la 33enne di etnia Rom residente a Jesi che lo scorso 7 novembre ha raggirato una anziana di Camerano sottraendole con l'aiuto di un complice gioielli e denaro per un valore di 3000 euro
Print Friendly, PDF & Email

Un’altra vittima dei falsi funzionari dell’Inps. I carabinieri di Camerano hanno denunciato per furto in abitazione con destrezza, una ragazza di 33 anni di etnia Rom, B.L. nata a L’Aquila ma residente presso il campo nomadi di Jesi, in via Carlo Max. La giovane è già nota alla forze dell’ordine e le indagini svolte dai militari dopo la denuncia per un furto subìto da un’anziana 79enne del luogo, lo scorso 7 dicembre, nella sua abitazione, hanno portato alla ragazza. Ben vestita e con atteggiamento affabile, si sarebbe presentata qualificandosi quale impiegata della previdenza sociale e dopo averla distratto la padrona di casa con il pretesto di controllare la regolarità del libretto della pensione, era riuscita a rubarle tutti gli oggetti in oro, per un valore di circa 3.000 euro, presenti nella camera da letto dell’anziana vittima, verosimilmente grazie anche al concorso di altro complice accompagnatore in corso di identificazione. La vittima l’avrebbe riconosciuta dalla foto segnaletica. E’ scattata pertanto la denuncia a piede libero e in stato di irreperibilità alla Procura di Ancona e per la 33enne è stata richiesta alla Questura l’irrogazione della misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio per 3 anni dal Comune di Camerano. I carabinieri, ancora una volta invitano i cittadini a diffidare di pseudo-personaggi, avendo cura dei parenti anziani nel sensibilizzarli ad avere massima attenzione degli sconosciuti, poiché nessun impiegato di una pubblica amministrazione si presenta inaspettatamente a casa, senza alcun preavviso.

Il Comune mette in guardia: “Attenzione ai falsi operatori”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X