facebook rss

Premio Vallesina 2018,
onore al merito
e al territorio d’origine

JESI – Sette vincitori, tre beneficiari del ricavato solidale, una nuova sezione, nove edizioni per 18 anni di attività grazie alle quali sono stati devoluti in beneficienza finora 135.000 euro. Sono i numeri del Premio Vallesina.
Print Friendly, PDF & Email

La conferenza stampa di presentazione del Premio Vallesina.

Istituito 18 anni fa con l’obiettivo di premiare quei figli illustri della Vallesina che hanno portato il loro talento nel mondo valorizzando così anche il comune di origine, questa mattina presso il centro direzionale Esagono della Ubi Banca si è svolta la conferenza stampa di presentazione della nona edizione del Premio, in programma il 23 giugno prossimo alle ore 21 nell’ex convento di Montelatiere, a San Marcello. A fare gli onori di casa, il responsabile della macro area Marche Abruzzo della UBI banca Nunzio Tartaglia che ha parlato dell’importanza di «premiare il merito, che va costruito con impegno e fatica, ma anche di valorizzare il legame con il territorio d’origine».
La Ubi accompagna il Premio fin dalla prima edizione, che si tenne a Villa Pianetti a Monsano e che vide tra i premiati il dottor Carlo Urbani. Un ricordo condiviso con emozione dal presidente dell’Associazione, nonché sindaco di Monsano Roberto Campelli il quale ha espresso l’auspicio affinché tutta la Vallesina si stringa attorno a questo premio. La serata di gala sarà ospitata quest’anno all’ex convento dei frati di Montelatiere, come spiegato dal sindaco di San Marcello Pietro Rotoloni «una struttura recuperata con un investimento di 3 milioni e che diventerà il primo centro regionale delle malattie dell’alimentazione, perché sono proprio la prima causa di morte nei giovani tra i 14 e i 24 anni. Una struttura divisa tra residenzialità (con 20 posti) e ambulatori esterni, ma che avrebbe bisogno di una struttura ricettiva limitrofa per accogliere i parenti dei pazienti. Per una sera, la struttura cambierà pelle e farà da cornice a questo premio che siamo onorati di accogliere». Tra le novità della nona edizione, l’introduzione di una sezione dedicata ai “giovani talenti”, una «grande responsabilità in termini di valorizzazione e di aspettative», sottolinea il vice sindaco di Jesi e assessore alla cultura Luca Butini entusiasta che vi siano tanti talenti usciti dalle scuole superiori jesine. «Per la prima volta – dice il segretario del Premio, Nicola Di Francesco – i premiati non saranno cinque ma sette in quanto è previsto un ex equo ed una nuova categoria, quella dei giovani emergenti dai 24 ai 35 anni che escono dalle scuole superori di Jesi che si sono inseriti nel mondo del lavoro con grande capacità ed intelligenza raggiungendo, in moltissimi casi, posizioni di grande prestigio. I sei istituti superiori cittadini si sono radicalmente trasformati in questi ultimi anni, raggiungendo nelle graduatorie del ministero della pubblica istruzione e nel portale della fondazione Agnelli “Eduscopio” (che valuta le posizioni di oltre 6 mila scuole superiori italiane) posizioni di grande prestigio non solo a livello regionale ma soprattutto a livello nazionale, superando gli standard di scuole di Milano, Roma, Firenze, Bologna sia per indice di occupazione diplomati che per coerenza fra gli studi fatti e lavoro trovato».
Presenti alla nomina dei vincitori anche il vicesindaco di Maiolati Spontini Silvia Badiali, e il direttore artistico Giuliano De Minicis. Riceveranno il Premio Vallesina 2018, Federica Cascia di Moie di Maiolati Spontini (categoria professioni), Lorenzo Giacani di Jesi (categoria medici ricercatori), il professor Mario Marchetti di San Marcello (premio alla carriera), l’ingegner Luca Cesaretti di Jesi (categoria giovani emergenti). Un pari merito nella categoria sociale, tra suor Eleonora Majori di Jesi e l’associazione Solidarietà in Vallesina Moie di Maiolati Spontini, che riceveranno parte del ricavato della manifestazione insieme a Frate Mago per il sostegno al santuario della Madonna dell’Ambro lesionato dal sisma. Per la categoria imprenditoria, vince Roberto Cecchini di Mergo.
Solidarietà, premi ma anche musica e spettacolo. In programma un omaggio a Mina, sketch del comico Massimo Marchini e le mirabolanti magie di Frate Mago. Presenta il conduttore Paolo Notari. Per partecipare alla serata, i biglietti sono in vendita presso la segreteria del Premio Vallesina chiamando il numero 360.342234 o alla segreteria del comune di San Marcello al numero: 320.4318809.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X