facebook rss

‘Impigliati nella rete’
al Meucci si contrasta
il cyberbullismo

CASTELFIDARDO - Agli incontri con studenti e docenti hanno preso parte l'avvocato  Andrea Nobili, Garante dei diritti di adulti e bambini, e il vice questore Cinzia Grucci,  dirigente della Polizia postale e delle comunicazioni delle Marche
Print Friendly, PDF & Email

Il vice questore Grucci, dirigente della Polizia Postale delle Marche, parla agli studenti del ‘Meucci’

Il 2 e 10 Maggio un pubblico attento e partecipe, composto da genitori,  docenti e allievi del ‘Meucci’ di Castelfidardo,  ha preso parte ai due incontri per il progetto “Nessuno è solo”, iniziativa patrocinata dalla Fondazione Carilo di Loreto.  “L’obiettivo – fa sapere una nota stampa della scuola –  è quello di favorire gli incontri e quindi la collaborazione tra istituzioni, scuola e famiglia: trinomio vincente per l’educazione e per affrontare le attuali emergenze educative.  Il progetto ‘Nessuno è solo’ è nato per la sensibilizzazione, la prevenzione e il contrasto dei fenomeni del Bullismo e del Cyberbullismo. Il corso si è tenuto nella biblioteca dell’istituto “Antonio Meucci “di Castelfidardo  (I.I.S. Laeng  – Meucci) ed è stato coordinato dalla funzione strumentale n. 2 per i Servizi interni professoressa Sofia Frontini.  Nel primo incontro  il dibattito con il dott. Andrea Lucantoni si è incentrato sull’inconsapevolezza degli studenti nel compiere alcune azioni, ma soprattutto sulle difficoltà dei giovani nel curare le relazioni e il rifugio – bisogno della rete come fuga dalla realtà”.

Il 10 Maggio, invece sono intervenuti l’avvocato  Andrea Nobili, Garante dei diritti di adulti e bambini, e il vice questore Cinzia Grucci,  dirigente della Polizia postale e delle comunicazioni delle Marche. “Entrambi hanno informato la platea sui rischi del fenomeno e stimolato il confronto sulle tematiche in oggetto anche attraverso filmati, dando grande spazio alla comunicazione fatta dai giovani stessi, prendendo spunto da un video realizzato da un progetto di alcune scuole locali. Bellissimo – chiude il comunicato stampa – il confronto tra il Garante ed alcuni studenti della Scuola  (Sara Vitangeli della 4 Alsa,  Luca Patarca del 5 Alsa, Alessio Patarca ex studente) che hanno presentato la loro esperienza di peer education, iniziata grazie alla collaborazione con la Polizia Locale (Paolo Tondini), con la Polizia di Stato (Massimo Pietroselli) e con il CIC (Yuri Gidoni). Al termine dell’incontro  l’avvocato Nobili e il vice questore Grucci hanno espresso grande soddisfazione per l’impegno degli studenti e della scuola”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X