facebook rss

Al via domani il Palio
di San Giovanni Battista

FABRIANO -Si parte con l'apertura delle Hosterie che accoglieranno, a cena, i tantissimi appassionati della cucina medioevale
Print Friendly, PDF & Email

Tutto pronto per il Palio di San Giovanni Battista con l’apertura domani, giovedì 14 giugno, delle Hosterie che accoglieranno, a cena, i tantissimi appassionati della cucina medioevale. Le location sono la Porta del Borgo nel chiostro di San Nicolò; Porta Cervara in via della Ceramica; Porta del Piano nel  chiostro di San Benedetto; Porta Pisana nel chiostro di San Biagio. Il via ufficiale agli eventi nel centro storico di Fabriano è previsto per domani alle ore 18,30 con l’apertura mostra acquerello “Pennellate Medievali” e ceramiche presso il Palazzo del Podestà e, alle ore 21.30 cerimonia della nomina Podestà, l’Innalzamento dei Gonfaloni in Piazza del Comune. In mostra anche “Le bellezze in ceramica”, a cura delle allieve dell’Università Popolare di Fabriano. Otto “studentesse”, dirette da Annalisa Cola, hanno realizzato veri capolavori di ceramica artistica presso il monastero di San Luca e da domani sono esposte a Palazzo del Podestà. “Questa mostra – ha detto Fernanda Dirella, presidente Università Popolare – è un’occasione per fare memoria di un’antica arte, quella della ceramica, ormai scomparsa da Fabriano, che, nei secoli, ha avuto importanti manifatture a testimonianza della genialità artigianale locale. Le fonti storiche, infatti, raccontano che in città esistenza un’importante tradizione d’arte ceramica già dal XIV secolo. “Fabriano città dei fabbri: origine e simboli di una comunità operosa” è il titolo dato a questa XXIV edizione del Palio di San Giovanni Battista. Lo spiega il presidente dell’ente Palio Sergio Solari: “Il fabbro ci fa immediatamente venire in mente la sfida del 24 giugno, la Sfida del Maglio, ma abbiamo deciso di celebrare questa figura anche perché vogliamo esaltare l’animo operoso dei fabrianesi che, oggi come ieri, si adoperano per plasmare e modellare una realtà in continua evoluzione, e lo fanno con la stessa forza e lo stesso impegno con cui il fabbro lavora un elemento poco malleabile come il ferro”.

LE NOVITA’ PER UN PALIO TRA L’ANTICO E IL CONTEMPORANEO- Quest’anno ci saranno inedite novità: la caccia al tesoro nelle vie del centro; la mostra aprirà “Pennellate medievali in inaugurazione il 14 giugno, a cura di InArte congiuntamente all’esposizione di ceramiche a cura dell’Università della terza età; il torneo di scherma storica alle 20.30 del 20 giugno in piazza del Comune con l’esibizione degli sbandieratori di Fabriano alle 21.30; i giochi di ruolo dal vivo “on stage” a tema medievale organizzati dall’associazione Lokedili, dalle 18.30 del 22 giugno; la magnalonga medievale “Lo convivio errante” con tappe nella città.  L’incisione della pietra dal vivo da parte del famoso scultore di orgine marchigiana Malleus. E alcuni fuoriprogramma che esulano dal tema del Palio ma che vogliono celebrare la città in festa nell’occasione in cui Fabriano si presenta al meglio: decorata di infiorate, colorata di gonfaloni, vivace di gente. Ecco quindi i concerti, le degustazioni, le presentazioni dei libri, le visite guidate del centro storico, i recital di poesie, tutto consultabile sul programma ufficiale del Palio.

Mappa dello Convivio Errante

la Mappa dello Convivio Errante

Restano però gli appuntamenti tradizionali: le infiorate, i menù medievali proposti dalle Hostarie, i cortei storici, il palio dei monelli, la gara podistica, l’annullo postale, gli spettacoli medievali, la sfida degli arcieri. In vendita potrete inoltre trovare il libro illustrato “I Chiavelli: signori di Fabriano”, il primo volume di una trilogia che accompagnerà il lavoro dell’Ente per i prossimi 3 anni.

“Fabriano città dei fabbri”, il tema del prossimo Palio di San Giovanni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X