facebook rss

Truffa del falso carabiniere,
cercano di sfilare 4mila euro
L’anziana non ci casca

ANCONA – Tornano in azione i truffatori che prendono di mira soprattutto le anziane, chiedendo soldi con la scusa di dover saldare un risarcimento danni per conto del figlio. Attenzione ai raggiri
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

“Suo figlio ha avuto un incidente, deve pagare 4mila euro di danni, ci pensiamo noi”. Il copione ormai è consolidato, chiamano al telefono, si qualificano come un avvocato o un maresciallo dei carabinieri e pretendono di farsi consegnare dall’anziana una grossa somma di denaro. Ma è tutto un raggiro. E’ di nuovo allarme per la truffa “del falso carabiniere”. L’ultimo episodio è stato segnalato stamane. La madre di un noto professionista di Ancona ha ricevuto una telefonata di un presunto avvocato, che ha raccontato alla donna come il figlio fosse rimasto coinvolto in un incidente stradale, non era in gravi condizioni di salute, ma avrebbe dovuto risarcire la parte offesa con 4mila euro per non incorrere in guai giudiziari. Il racconto dell’uomo è stato poi confermato, sempre al telefono, da un presunto maresciallo dei carabinieri. L’anziana però non ci è cascata, insospettita dal racconto ha preteso di parlare con il figlio e sentendo una voce camuffata al telefono, non è caduta nel tranello. I delinquenti stavolta hanno dovuto desistere, ma è di nuovo allarme per i casi di truffe intentate a danno degli anziani. Le forze dell’ordine ricordano di contattare immediatamente i carabinieri al 112 o la polizia al 113 in caso di sospetti. Nel febbraio 2017, in 6 erano finiti in manette al termine di una vasta indagine coordinata dalla Procura di Ancona, per smantellare la banda di truffatori che impiegava proprio il metodo del “falso carabiniere” e che aveva preso di mira il territorio anconetano e maceratese.

Truffe agli anziani, si fingono avvocati e carabinieri per spillare soldi: sei arresti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X