facebook rss

Via Repubblica, lavori sulle mura
«Situazione insostenibile»

CAMERANO - Il consigliere Lorenzo Rubini lancia l'allarme per il cantiere ancora aperto e i problemi di sicurezza che ne derivano per auto e pedoni
giovedì 23 Agosto 2018 - Ore 18:27
Print Friendly, PDF & Email

La recinzione del cantiere

 

“La situazione dei lavori della mura di via Repubblica, ha ben superato i limiti della sicurezza stradale e personale. Questo cantiere sempre aperto ha creato pericoli ai quali va subito posto dei rimedi. L’accumulo enorme dei detriti e del fogliame è un assist involontario di sassi lanciati verso case e persone al passaggio degli autobus”.  Sono queste le prime considerazioni del consigliere comunale di Camerino Lorenzo Rabini che già da tempo segue la vicenda dei lavori della mura di via Repubblica. Il capogruppo di “Operazione Futuro”, nonostante gli interventi in aula consiliare e le rassicurazioni da parte della maggioranza, non vede affatto spiragli per la fine di questa vicenda che si trascina tra problemi e contenziosi tra privati e amministrazione comunale per decretare dapprima chi dovesse intervenire per la sicurezza della mura e poi chi dovesse appunto sobbarcarsi l’onere della spesa.

“Sono passati tanti mesi dal puntellamento della mura pericolante – osserva Rabini – e la situazione è peggiorata perché i detriti che scendono sulla strada ormai rovinata con voragini sul manto stradale, rappresentano dei proiettili lanciati dalle auto e dalle corriere che passano e che quindi rappresentano un pericolo per le persone e le case, senza contare che il fogliame ormai preponderante rappresenta anche un problema per l’igiene pubblica, fornendo un habitat naturale per gli animali ed i topi. Insomma – conclude Rabini – questa vicenda deve pur arrivare alla sua conclusione, non entriamo nel merito delle ragioni tra privato e pubblico, ma ormai credo che che tutte le questioni debbano essere chiarite per la sicurezza delle persone, di una corretta viabilità e della pulizia ambientale”.

 

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X