facebook rss

Ponti e viadotti di Jesi,
il sindaco invia il report al ministro

VERIFICHE - Formalizzata la relazione con le criticità riscontrate per il Ponte San Carlo (già chiuso ai mezzi pensanti) sul fiume Esino ed il cavalcavia di Via Gramsci mentre sono in corso le verifiche di stabilità sul viadotto di Via XX Luglio e sul ponte del Granita di Via Ancona
Print Friendly, PDF & Email

Il sindaco di Jesi, Massimo Bacci

Il sindaco Massimo Bacci ha formalizzato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e al Provveditorato interregionale delle opere pubbliche l’esito del monitoraggio sullo stato di conservazione e manutenzione delle opere infrastrutturali viarie della città. Sebbene i Comuni non fossero stati infatti interpellato sul monitoraggio richiesto dal Ministero ai vari Enti (attività che andava conclusa entro il mese di agosto), il sindaco si è sentito comunque in dovere di richiamare l’attenzione sulle due criticità presenti nel nostro territorio, vale a dire il Ponte San Carlo sul fiume Esino ed il cavalcavia di Via Gramsci, anticipando che sono in corso le verifiche di stabilità anche sul viadotto di Via XX Luglio e sul ponte del Granita di Via Ancona, per i quali saranno successivamente resi noti i risultati.

PONTE SAN CARLO – Per quanto riguarda Ponte San Carlo, il sindaco ha sottolineato “lo stato di conservazione del manufatto piuttosto compromesso  – fa sapere in una nota stampa il sindaco – causato essenzialmente dalla prolungata esposizione agli agenti atmosferici della struttura portante ed alla mancanza di interventi di manutenzione, che hanno prodotto il diffondersi di estesi fenomeni di ossidazione nelle armature metalliche, che in alcuni casi, in particolare per quanto riguarda le staffe all’intradosso delle travi, ne hanno portato alla rottura”. L’analisi sismica complessiva, ricorda Bacci, ha altresì evidenziato indicatori di sicurezza piuttosto bassi tanto che il medesimo tecnico, alla luce delle verifiche con i carichi da traffico e dello stato di degrado osservato, ha consigliato di limitare il traffico, provvedimento subito adottato dalla Giunta con il il divieto per i mezzi pesanti. Una situazione, questa, che sta avendo conseguenti ripercussioni viabilistiche particolarmente pesanti dal punto di vista economico, soprattutto per quanto riguarda i mezzi in servizio di trasporto pubblico. Per quanto riguarda invece la sicurezza nei confronti della vulnerabilità sismica, il medesimo professionista, ricorda Bacci, ritiene indispensabile procedere ad un intervento immediato di miglioramento sismico, attraverso la demolizione e ricostruzione del ponte. Il costo complessivo dell’intervento è stimato in 4 milioni di euro, somma assolutamente fuori della portata del Comune di Jesi.

CAVALCAVIA VIA GRAMSCI – Per quanto riguarda invece il cavalcavia di Via Gramsci, il primo cittadino ha tenuto a sottolineare che la relazione di vulnerabilità statica dell’infrastruttura evidenzia che le condizioni di conservazione delle soffittature e delle parti non strutturali sono precarie, mentre quelle della struttura portante sono complessivamente discrete. Il cavalcavia necessita tuttavia di interventi manutentivi per un costo stimato in oltre mezzo milione di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X