facebook rss

Don Giovanni Squartini,
quattro comunità in festa
per i 50 anni di sacerdozio

FALCONARA - Il parroco è stato festeggiato ieri pomeriggio con un party a sorpresa organizzato dai parrocchiani della chiesa della Visitazione della Beata Vergine Maria. Presente il sindaco Signorini
lunedì 27 Agosto 2018 - Ore 14:28
Print Friendly, PDF & Email

Don Squartini con il sindaco Signorini

 

Ha unito quattro comunità la celebrazione dei 50 anni di sacerdozio di don Giovanni Squartini, il parroco di Falconara Alta festeggiato ieri pomeriggio nella sua chiesa, intitolata alla Visitazione della Beata Vergine Maria. Il sacerdote ha saputo solo ieri della celebrazione e della festa, poco più di un’ora prima della messa: tutto era stato organizzato dai parrocchiani in gran segreto per fargli una sorpresa. Il parroco non aveva saputo nulla nemmeno attraverso i media, perché era fuori per il campo scuola. Durante la messa officiata alle 18.30 da Monsignor Angelo Spina, cui ha preso parte il sindaco Stefania Signorini, sono state lette le lettere degli amici di Camerano dove don Giovanni è nato, Sirolo dove è stato parroco per 17 anni, Staffolo dove ha guidato la parrocchia per oltre 20 anni e Falconara, dove don Giovanni Squartini è arrivato a fine 2013. La celebrazione si poi è conclusa con la benedizione. La festa è proseguita all’interno dell’oratorio, gremito all’inverosimile anche per la necessità di ritrovarsi nei locali al chiuso dato il maltempo: i parrocchiani di Falconara Alta avevano preparato una grande torta e hanno regalato a don Giovanni un orologio da polso e le offerte raccolte. Alla festa si sono fermate, oltre al sindaco di Falconara, anche le delegazioni delle comunità (appunto Camerano, Sirolo e Staffolo) che negli anni hanno conosciuto don Giovanni Squartini. Circa 200 i partecipanti, alcuni dei quali si sono fermati fino alle 21.30. «Mi sono sentita parte di questa comunità allargata – è il commento del sindaco Stefania Signorini – ed è stata una bella esperienza vedere tante persone unite dall’affetto per don Giovanni, che a Falconara Alta ha trovato la sua nuova famiglia, ma ha mantenuto il legame con quelle precedenti».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X