facebook rss

Blitz dei carabinieri in autofficine
e autolavaggi: 4 denunce
per smaltimento irregolare di rifiuti

OSIMO - Dopo i controlli dei militari della Compagnia di Osimo sono finiti dei guai un anconetano di 51 anni per lo scarico di acque reflue senza autorizzazione e tre giovani di origine romena che aveva abbandonato scarti industriali su un terreno agricolo
Print Friendly, PDF & Email

Il Comando Compagnia carabinieri di Osimo in via Saffi

(foto d’archivio)

Controlli a tappeto dei carabinieri in autofficine ed autolavaggi, e verifiche del rispetto della normativa posta a tutela dell’ambiente proprio per la consistente produzione di rifiuti di queste attività. La scorsa settimana i militari della Compagnia di Osimo, comandanti dal maggiore Luigi Ciccarelli, hanno effettuato un servizio coordinato sul territorio di competenza. Un’attività svolta nel quadro della più generale della campagna di prevenzione e repressione dei reati in materia ambientale che da sempre costituisce importante obiettivo operativo istituzionale in considerazione degli indubbi benefici che possono derivarne per tutti i “fruitori” dell’ambiente stesso, tanto l’uomo quanto la flora e la fauna. In particolare è stata verificata l’osservanza dei precetti normativi disciplinanti lo smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non. L’occasione è stata altresì utile per constatare il rispetto o meno della normativa riguardante la sicurezza sui luoghi di lavoro. I risultati hanno portato i carabinieri della Stazione di Osimo a denunciare in stato di libertà, il 51enne P.F., residente ad Ancona, ritenuto responsabile dello scarico di acque reflue industriali senza la prescritta autorizzazione, e omesso smaltimento dei fanghi derivanti dall’attività di autolavaggio. A Camerano invece i militari hanno denunciato sempre in stato di libertà tre cittadini romeni, il 29enne S.N, il 30enne B.C. classe 1988 e il 23enne N.A., tutti residenti in Ancona, per aver realizzato e abbandonato su terreno agricolo un deposito incontrollato di rifiuti industriali non pericolosi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X