facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Poliambulatorio
e Guardia medica,
Asur cerca nuovi locali

CAMERANO – Lorenzo Rabini, capogruppo di ‘Operazione Futuro’ chiede di fare chiarezza sulle motivazioni e presenta un’interrogazione consiliare a tema
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

Dovrebbe essere un mese “freddo” quello di novembre, ma sul versante sanitario a Camerano potrebbe essere invece un mese “caldo”, almeno per quello che può rappresentare una determina del direttore generale Asur che il 5 novembre ha dato avvio alle procedure di massima urgenza per l’avviso pubblico per la ricerca di nuovi locali e di una locazione passiva da adibire ad attività sanitaria distrettuale dell’Area Vasta 2 presso il Comune di Camerano. “In pratica si cerca un immobile che prenda il posto dell’attuale sede del Poliambulatorio e della Guardia Medica presso la Fondazione Ceci in Via Marinelli” mette in evidenza il capogruppo di ‘Operazione Futuro’ Lorenzo Rabini che non ha perso tempo a presentare una urgente interrogazione a riguardo.

“Ci sono alcuni aspetti che vanno assolutamente chiariti. Intanto il fatto che il contratto tra la Fondazione e l’Asur scada il 31 dicembre 2018 e soltanto adesso si sia arrivati, quasi con estrema urgenza all’emanazione dell’avviso pubblico per un nuovo immobile per il Poliambulatorio e la Guardia Medica, pone l’interrogativo del come mai il contratto stesso non sia stato rinnovato e che cosa può capitare se non arrivano offerte per nuovi locali. Poi c’e’ da dire che nei mesi scorsi in Consiglio Comunale quando chiesi spiegazioni al Sindaco sulla problematica fatta emergere dai medici della Guardia Medica sulle pessime condizioni del locale a loro assegnato, mi vennero date rassicurazioni sull’intenzione di adibire nuovi spazi al servizio di Guardia Medica e anche questo fatto, alla luce della ricerca di un nuovo immobile da parte dell’Asur mi fa invece capire che qualcosa non è andato per il verso giusto.”

Lorenzo Rabini

“Insomma – rimarca Rabini – la cittadinanza di Camerano e della Riviera del Conero si deve seriamente preoccupare per le sorti del Poliambulatorio o no ? Esiste la concreta possibilità che dalla fine dell’anno Camerano perda questa articolazione territoriale, organizzativa e funzionale dell’Asur o no ? “Non c’e’ dubbio – conclude Rabini – che la massima urgenza data alla procedura faccia molto preoccupare, spero che l’interrogazione presentata possa chiarire bene i termine della questione e dare risposte positive, ma i segnali non vanno certo i

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X