facebook rss

“Aiuto, stanno picchiando
una ragazza con un bastone”,
ma era una lite in strada

OSIMO – Dopo la segnalazione allarmata di un osimano, l’intervento della Polizia è scattato poco prima della mezzanotte di ieri. Controllati e identificati in via Ungheria cinque giovani, tra i 17 ed i 18 anni, che hanno ammesso di essere i protagonisti del diverbio scoppiato per futili motivi. Ma le due giovani donne presenti hanno negato agli agenti di aver subito alcun genere di violenza
Print Friendly, PDF & Email

(foto d’archivio)

Correte, c’è un gruppetto di ragazzi che urla e grida per strada. Stanno picchiando una ragazza con un bastone sulla gradinata Oberdan. Sembrano tutti esagitati e nessuno la sta aiutando”. La telefonata allarmata al 113 di un osimano, nella tarda serata di ieri ha messo in moto le forze dell’ordine. Poco prima della mezzanotte in via Ungheria a qualche centinaio di metri dalla scalinata che collega il centro storico di Osimo con la sua periferia ovest, una volante del locale Commissariato di Ps ha incrociato in effetti un gruppetto vociante di 17enni e 18enni. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri. Cinque ragazzi, tre uomini e due donne, che corrispondevano alla descrizione fatta da chi aveva segnalato l’aggressione. Camminavano per strada, in un punto non troppo distante dal Conad, ma nessuno aveva in mano un bastone. I poliziotti li hanno comunque controllati e identificati. Gli agenti si sono preoccupati innanzitutto di verificare se una delle due ragazze avesse subito percosse, se fosse stata aggredita e avesse bisogno di soccorsi sanitari. Le due donne presenti però hanno smentito di essere state oggetto di alcun genere di violenza da parte del resto della comitiva di sesso maschile. I ragazzi hanno invece ammesso di aver alzato la voce, più che le mani, in strada, minimizzando e giustificando però quegli schiamazzi con un banale litigio scoppiato tra loro per futili motivi. Ieri sera, insomma, la polizia non ha riscontrato elementi o indizi fondati per formulare d’ufficio un’ipotesi di reato. Se l’atto di violenza fosse davvero avvenuto, spetterebbe alla vittima presentare una eventuale querela.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X