facebook rss

Strage in discoteca:
sette feriti ancora gravi
Possibili lesioni da asfissia

ANCONA - Il nuovo bollettino medico di Ospedali riuniti è stato diramato poco fa. I sette pazienti arrivati in codice rosso restano ricoverati ed in prognosi riservata. Un paziente è invece in netto miglioramento e sarà dimesso a breve. Nella giornata di oggi stanno continuando gli accessi al pronto soccorso dei ragazzi rimasti coinvolti nel crollo della balaustra
domenica 9 Dicembre 2018 - Ore 13:13
Print Friendly, PDF & Email

La sala d’aspetto del pronto soccorso di Torrette

 

Sono ancora ricoverati in condizioni critiche ma stabili nei reparti di Terapia intensiva delle unità operative di Ospedali riuniti ad Ancona i sette ragazzi arrivati in codice rosso a Torrette nella giornata di ieri (8 dicembre 2018), dopo la tragedia in discoteca a Corinaldo. La prognosi resta riservata. A dare aggiornamenti sulle condizioni dei feriti, il direttore amministrativo di Ospedali riuniti, Roberto Penna, che precisa: «Si tratta di pazienti che oltre al trauma hanno subito un periodo più o meno prolungato di asfissia le cui conseguenze andranno valutate nel tempo».

«Ciascun paziente − aggiunge Penna − segue un protocollo terapeutico diversificato a seconda delle condizioni cliniche e dei suoi specifici bisogni assistenziali».

È invece in netto miglioramento il paziente accettato con codice rosso ieri mattina e sarà dimesso nelle prossime ore. Già tutti dimessi i ragazzi che sono arrivati ieri al nosocomio regionale in codice verde. In queste ore hanno raggiunto l’ospedale regionale altri due giovani, sempre in codice verde, che sono in fase di valutazione clinica.

Sempre presente e a disposizione il supporto psicologico, garantito, spiega Penna: «dal team di psicologi che sta operando ad Ospedali riuniti, e che viene effettuato mediante il coordinamento della protezione civile regionale tramite il suo referente sanitario, Giuliano Tagliavento, in piena collaborazione con il coordinamento interno aziendale».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X