facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Furti in biblioteca: le spycam
incastrano i responsabili

FALCONARA - Un 61enne e un 39enne erano stati poi individuati e identificati dalla polizia locale mentre si aggiravano sempre tra le sale di lettura il giorno successivo alla sparizione di una borsa di un utente
Print Friendly, PDF & Email

Ci sarebbero due italiani di 61 e di 39 anni, entrambi senza fissa dimora, dietro ai furti denunciati all’inizio del 2018 all’interno della biblioteca comunale di Falconara. A individuarli sono stati gli agenti di polizia locale di Falconara, cui si era rivolta una donna derubata della borsa in un momento di distrazione. La denuncia con l’individuazione dei presunti responsabili era stata inviata alla Procura all’indomani del furto e le indagini si sono appena concluse.

L’episodio era avvenuto il 7 febbraio 2018: l’utente della biblioteca si era fermata a leggere una rivista, quando aveva ricevuto una telefonata. Si era allontanata pochi istanti dal suo posto e quando era tornata la borsa era sparita. Alla polizia locale aveva raccontato di aver notato seduto accanto a lei, prima del furto, un uomo di cui aveva fornito una descrizione dettagliata e che si era allontanato prima che si accorgesse della sparizione. Gli agenti avevano visionato le telecamere di piazza Mazzini e avevano riconosciuto una persona che rispondeva alle caratteristiche indicate dalla vittima, mentre si allontanava insieme a un uomo più giovane dalla biblioteca per raggiungere un bar poco distante, lo stesso locale dove poi era stata ritrovata la borsa, senza il portafogli. Il 61enne e il 39enne erano stati poi individuati e identificati dalla polizia locale mentre si aggiravano sempre in biblioteca il giorno successivo. Il 61enne, in particolare, è sospettato di aver messo a segno altri due furti simili avvenuti nei giorni precedenti sempre in biblioteca, perché anche le altre vittime ne avevano segnalato la presenza in concomitanza con la sparizione di portamonete e cellulare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X