facebook rss

Carabinieri si fingono bagnanti
e arrestano due spacciatori

FALCONARA - I militari sono riusciti a intercettare un'attività di spaccio al sottopasso Villanova. Nei guai due giovani africani, uno dei quali era già stato arrestato due volte (a febbraio e a maggio) con obbligo non rispettato di allontanamento dalla provincia di Ancona
Print Friendly, PDF & Email

Carabiniere si finge bagnante per documentare lo spaccio a Falconara

 

Si sono finti bagnanti e dal bagnasciuga hanno potuto osservare con calma tutte le fasi dello spaccio, fino a incastrare in flagranza di reato, due spacciatori.
Seconda parte dell’operazione “spiaggia di Villanova”, che già lo scorso weekend aveva portato all’arresto di tre persone. Un altro importante risultato dei Carabinieri di Falconara, che sono tornati a monitorare il sottopasso di Villanova e hanno arrestato ieri altri due uomini, cittadini africani, responsabili di spaccio di stupefacenti. Si tratta di un cittadino gambiano ed un somalo, entrambi pregiudicati 23enni e senza fissa dimora, lungamente osservati al termine di un appostamento effettuato dai Carabinieri della Tenenza di Falconara che, fingendosi bagnanti, hanno potuto scrutare e rendicontare una consumata attività di spaccio. In particolare, un carabiniere, fingendo di essere sul bagnasciuga a prendere il sole, ha potuto documentare l’attività di compravendita che avveniva sul bagnasciuga, nei pressi del sottopasso di Villanova denominato “Cacciatori”. Avuta certezza di quanto stesse accadendo, dopo aver anche recuperato lo stupefacente comprato da un ignaro acquirente (un italiano 35enne, sporadico assuntore di sostanze stupefacenti, trovato in possesso di un involucro di 2 grammi di marijuana), i militari sono piombati sulla spiaggia sorprendendo gli spacciatori. Avevano ancora quattro dosi di marijuana e un bottino in denaro di quasi 500 euro. E nel frattempo è anche scoppiato un acquazzone.
A pochi giorni dalla retata del 19 luglio scorso – dove 3 spacciatori nigeriani erano stati arrestati all’altezza del sottopasso Tramontana, di fronte via Roma – si è potuto accertare che il luogo dello spaccio si è spostato alcune centinaia di metri più a nord, dove i bagnanti si diradano e non ci sono strutture balneari.
Nella disponibilità degli stranieri oltre allo stupefacente, anche due telefoni cellulari, verosimilmente utilizzati per agevolare la compravendita dello stupefacente.
Da ricordare che il cittadino gambiano fermato è lo stesso che era già stato arrestato lo scorso 28 maggio, e prima ancora il 27 febbraio, sempre dai militari della Tenenza e sempre per spaccio di sostanza stupefacente proprio a Villanova. In seguito agli ultimi eventi, il gambiano era stato anche allontanato dalla Provincia di Ancona, provvedimento che evidentemente non intende in alcun modo rispettare.
Entrambi gli arrestati sono rinchiusi nelle camere di sicurezza della Tenenza di Falconara, in attesa del giudizio di convalida e del rito direttissimo previsto per domani.
Per entrambi, tenuto conto dei gravi indizi raccolti a loro carico e considerato il comportamento recidivo, sarà richiesta la custodia cautelare in carcere, avendo ampiamente dimostrato di non riuscire ad evitare la delinquenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X