facebook rss

Precipita durante l’arrampicata,
ferito frate alpinista (Video)

GENGA - Il religioso di 49 anni, che vive in un convento di Macerata, è stato soccorso e trasportato all'ospedale di Fabriano. Ha riportato ferite al viso ed escoriazioni alle gambe
Print Friendly, PDF & Email

Vigili del fuoco a Genga

 

Aveva appena iniziato l’arrampicata della parete rocciosa insieme ad un amico, quando improvvisamente la corda si incastra tra le gambe. Una scivolata da un’altezza di cinque metri, bloccata dall’amico di cordata dopo tre metri di caduta libera. Attimi di paura questa mattina poco dopo le 10 in località San Vittore di Genga, sulla parete rocciosa del santuario della Madonna di Genga. A restare ferito al viso e alle gambe è un frate cappuccino con la passione per l’alpinismo, Emanuele Marziali, 49enne originario di Ponzano di Fermo, ma da tempo in monastero a Macerata, dopo essere stato per anni missionario in Benin.

Il primo ad intervenire un vigile del fuoco fuori servizio, che si trovava a pochi metri di distanza poiché impegnato nell’arrampicata. Sul posto sono intervenute l’eliambulanza e l’ambulanza della locale Croce Rossa, insieme a una squadra dei vigili del fuoco di Fabriano. Il medico si è calato con il verricello e ha prestato le prime cure del caso al religioso, che non indossava il caschetto di protezione. Visto che le sue condizioni non erano gravi, e quindi non era necessario il trasporto a Torrette, il frate è stato affidato agli uomini del corpo nazionale soccorso alpino speleologico e ai vigili del fuoco di Fabriano arrivati con un fuoristrada su cui il ferito è stato fatto salire per scendere a valle. Raggiunta la gola l’ambulanza della Croce Rossa di Sassoferrato ha trasportato il frate all’ospedale Profili di Fabriano: ha riportato ferite al volto ed escoriazioni alle gambe.

 

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page