facebook rss

Dipendenze tecnologiche:
un convegno a Corinaldo

L'APPUNTAMENTO per parlare di come difendersi dalla insiedie della Rete è previsto per giovedì sera al teatro Goldoni ospiti lo psicologo e psicoterapeuta Giuseppe Lavenia e la psicologa forense e criminologa investigativa Roberta Bruzzone
Print Friendly, PDF & Email

Roberta Bruzzone

Il Comune di Corinaldo in collaborazione con Di.Te.-Associazione nazionale dipendenze tecnologiche gap cyberbullismo presenta, giovedì 17 ottobre alle ore 21 al teatro “C.Goldoni”, “Manipolatori affettivi e rischi della rete-Conoscere per proteggerci dalle insidie della rete”. Ospiti Giuseppe Lavenia, presidente dell’Associazione “Di.Te.”, psicologo e psicoterapeuta, tra i massimi esperti di dipendenze tecnologiche e cyberbullismo e la psicologa forense e criminologa investigativa, Roberta Bruzzone i quali presenteranno i propri libri,: “Mio figlio non riesce a stare senza smartphone” e “Io non ci sto più”.

L’obiettivo dell’Associazione non è demonizzare gli strumenti tecnologi, o internet, tutt’altro. “Siamo ben consapevoli – si leggein una nota ufficiale – che la tecnologia, i social network, gli smartphone, i tablet e la rete hanno un ruolo di primo piano nella quotidianità di tanti, a qualsiasi età. Ma siamo altrettanto consapevoli dell’importanza dell’intervento terapeutico quando l’uso eccessivo o inappropriato di questi mezzi diventa un limite per l’individuo e per le sue relazioni famigliari, sentimentali, lavorative o scolastiche. Crediamo, inoltre, che le attività di formazione e la divulgazione dei pericoli e delle trappole in cui la rete può far cadere già a partire dall’età scolare sia uno strumento importante da dare alle nuove generazioni nonché un supporto ai genitori. Per aiutarli a conoscere, arginare, e difendersi dal fenomeno con più cognizione di causa”. Dopo aver ospitato, il maggio scorso, il primo esperimento in Italia di disconnessione e disintossicazione dalla tecnologia, “Disconnect Day”, il Comune di Corinaldo è felice di affrontare nuovamente queste delicate tematiche, invitando famiglie e ragazzi a intervenire numerosi. (info e prenotazioni [email protected])

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X