facebook rss

Cibo-esca per attirare gli ungulati
e animali imbalsamati:
nei guai due bracconieri (Video)

SASSOFERRATO - I carabinieri forestali hanno eseguito perquisizioni a casa di un sassoferratese e di un cuprense sequestrando “lacci” e catene metallici, esemplari di specie protette sottoposti a processo di imbalsamazione, carne congelata di capriolo e di daino e munizioni non denunciate
Print Friendly, PDF & Email

 

Denunciati dai carabinieri forestali due bracconieri a Sassoferrato. Durante le perquisizioni sono stati sequestrati lacci, animali protetti imbalsamati, carne di capriolo e daino, munizioni non denunciate e persino un’arma clandestina. Nei giorni scorsi i forestali di Sassoferrato hanno eseguito le perquisizioni delegate dalla Procura della Repubblica di Ancona a carico di due persone residenti a Sassoferrato e Cupramontana. Le attività di perquisizione sono scaturite a seguito del rinvenimento di alcune trappole costituite da cavi metallici a nodo scorsoio posizionati nella zona del Monte Castellaro, vicino all’abitato di Monterosso nel comune di Sassoferrato. Le indagini condotte con appostamenti hanno consentito di individuare i due soggetti che nei pressi delle trappole posizionavano del cibo per attirare gli ungulati, e hanno fatto scattare le attività di perquisizione effettuate simultaneamente dalle Stazioni Forestali di Sassoferrato e di Jesi San Marcello presso le abitazioni dei due.

Nel corso delle perquisizioni i militari hanno rinvenuto e sequestrato oltre a “lacci” e catene metallici posizionati in bosco per la cattura di cinghiali ed altri mammiferi selvatici, diversi esemplari imbalsamati di specie tutelate: tra gli uccelli un picchio (particolarmente protetto), un chiurlo, una nitticora ed un’upupa, tra i mammiferi uno scoiattolo ed un daino. All’interno di congelatori industriali i bracconieri detenevano 18 confezioni di carne di capriolo e di daino provento di bracconaggio. Ora gli indagati rischiano pene che vanno dal pagamento di pene pecuniarie fino alla reclusione, per le condotte di bracconaggio e detenzione di specie particolarmente protette. Inoltre sono stati riscontrati i reati di detenzione abusiva di munizioni non denunciate e arma clandestina per cui si è proceduto al sequestro di 10 fucili da caccia, 261 munizioni a palla ed una pistola senza matricola. Inoltre sono state ritirate loro le licenze di caccia e rischiano la sospensione da parte dell’Autorità di Pubblica Sicurezza.

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page