facebook rss

Pianta il grano, branco di cinghiali
dissotterra i semi e se li mangia (Video)

OSIMO - L'agricoltore di Villa ha raccontato sui social media la sua amarezza: «Li stiamo 'allevando' a spese nostre e per quando arriveremo a primavera non rimarrà molto raccolto»
Print Friendly, PDF & Email

Il branco di cinghiali di Villa, a Osimo, che ha fatto razzia di parte della semina di grano

 

Pianta il grano sul terreno di sua proprietà, nella zona di via Striscioni a Osimo, poco distante dall’ex ospedale Muzio Gallo nella frazione di Villa. Poche ore dopo la semina, in piena notte, passa un branco di cinghiali, dissotterra le sementi e se le mangia. La denuncia arriva via social media dal titolare di un’azienda agraria di Osimo, F.B., 41 anni, che ha postato le foto del branco di ungulati, una ventina di esemplari tra grandi e piccoli, con un commento amaro: «Che bello seminare il sabato sera e ci sono i cinghiali che già raccolgono il lavoro. Che cosa lavoriamo a fare? Anche oggi il mangime ai cinghiali l’ho dato, il mio dovere l’ho fatto adesso vado a seminare il grano». L’agricoltore ha spiegato a chi gli chiedeva spiegazioni su Facebook che i cinghiali, fauna selvatica, «stanno dimezzando il seme del grano prima della sua nascita, per quando arriveremo a primavera non ne rimarrà molto. Praticamente noi agricoltori li stiamo “allevando” a spese nostre senza però poter raccogliere i frutti. Sono a rischio molte altre colture presenti nella zona e poi c’è tutta la questione della sicurezza stradale. La presenza dei cinghiali sul nostro territorio è cresciuta in via esponenziale, anno dopo anno. Questo è un dato oggettivo». Un problema articolato, insomma, che secondo gli agricoltori, non può trovare un’unica risposta nel risarcimento danni.

Cinghiali a Villa vicino a un capannone

Scontro con un grosso cinghiale: animale morto, auto distrutta

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page