facebook rss

Botti, multe più salate a chi spara
petardi in luoghi pubblici

FALCONARA - Rinnovata l’ordinanza per vietare mortaretti e altro materiale esplodente sulla pubblica via, nelle piazze e nei luoghi aperti al pubblico. Le sanzioni passano da 50 a 100 euro
Print Friendly, PDF & Email

 

Sarà completamente vietata anche per il Capodanno 2020 l’accensione sulla pubblica via, nelle piazze e nei luoghi aperti al pubblico di mortaletti e petardi. Rispetto al 2018, cambia l’importo delle ‘multe’: chi viene pizzicato a trasgredire al divieto sarà punito con sanzioni di 100 euro, anziché 50 euro come previsto l’anno scorso. Il sindaco Stefania Signorini ha deciso per un divieto assoluto e questa mattina ha siglato un’ordinanza in tal senso, che entrerà in vigore alle 18 di oggi, lunedì 30 dicembre fino alle 24 di mercoledì primo gennaio. Questo per tutelare i soggetti più deboli, come bambini, anziani, persone diversamente abili e animali domestici, la cui sicurezza potrebbe essere minacciata dall’utilizzo nei luoghi pubblici di giochi pirotecnici che provocano forte rumore. Come spiega il provvedimento sindacale siglato questa mattina, l’esplosione dei mortaletti, oltre a mettere a rischio l’incolumità fisica, crea potenziale pericolo di incendio a contatto con materiale infiammabile, vista la presenza lungo le strade di veicoli in sosta. Sarà invece possibile utilizzare liberamente tutti gli altri fuochi d’artificio. Al posto dei ‘botti’ che presentano forti indici di pericolosità, è consentito utilizzare prodotti che valorizzano i giochi di luce e producono effetti spettacolari e meno dirompenti. «I petardi gettati in strada in questo periodo creano paura e panico – è il commento del sindaco Stefania Signorini –. Un effetto che colpisce in particolare le persone più fragili, oltre che i nostri animali. Prima di compiere un gesto all’apparenza banale pensiamo al prossimo e ai nostri amici a quattro zampe».

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page