facebook rss

Utilizzo dei fondi europei
«Marche maglia nera in Italia,
Ceriscioli è al capolinea»

L'INTERVENTO del commissario regionale di Forza Italia Francesco Battistoni sull'analisi pubblicata dal Sole 24 ore
Print Friendly, PDF & Email

 

Francesco Battistoni

 

«Le Marche maglia nera in Italia per utilizzo dei fondi europei. Ceriscioli può anche dimettersi». Sono le parole del senatore Francesco Battistoni, commissario regionale di Forza Italia, che commenta l’analisi pubblicata dal Sole 24 Ore, secondo cui la nostra regione è fanalino di cosa sull’utilizzo dei fondi europei Fesr e quintultima per i fondi Fse. «L’analisi del Sole 24 Ore di questa mattina è impietosa – commenta Battistoni –  I fondi Fesr sono stanziati dalla comunità Europea per progetti di sviluppo delle aree urbane in riferimento al sostegno alle piccole e medie imprese, allo sviluppo dell’agenda digitale, all’economia sostenibile, all’innovazione e alla ricerca con l’obiettivo di uno sviluppo omogeneo delle singole Regioni. La Regione Marche nelle annualità 2014-2020, a fronte di una dotazione di 585,4 milioni di euro, ne ha certificati all’Europa soltanto 120,4 milioni, pari al 20,57% delle economie disponibili. Come se il territorio marchigiano non necessiti di politiche di integrazione e sviluppo. Di fatto questa amministrazione regionale non ha speso oltre 450 milioni di euro. Non solo Fesr, ma anche i fondi Fse, sempre europei, dedicati questi per gli aiuti agli indigenti e all’occupazione giovanile. In questa speciale classifica la Regione Marche è quintultima. Sui 288 milioni di euro destinati per il 2014-2020, ne ha spesi 72,4, il 25,13%. La gestione di questi contributi sappiamo tutti non essere semplice, per vari motivi l’Italia è sempre indietro rispetto alle altre nazioni, ma la lentezza con la quale la giunta Ceriscioli si è mossa, la scarsa intraprendenza con la quale ha gestito queste economie, ed il fatto di essere fanalino di coda in Italia porta ad una inevitabile sentenza: la maggioranza è ai titoli di coda. Spopolamento, ricostruzione, mobilità scolastica, sono soltanto alcuni dei problemi che con i fondi europei potevano essere affrontati. Invece tutto fermo, tutto bloccato, una paralisi burocratica di fatto. Se la giunta regionale non ha la minima intenzione di impegnarsi ad aiutare il popolo marchigiano – conclude Battistoni – non è necessario aspettare le elezioni, si può dimettere anche prima. Sarebbe l’unico capolavoro, tardivo, ma pur sempre un’azione di segno positivo».

</

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X