facebook rss

Coronavirus, test a Torrette
per eventuali casi sospetti

I CONTROLLI da oggi possono essere svolti all'Unità di virologia dell’ospedale regionale. Fino a ieri sarebbe stato necessario rivolgersi allo Spallanzani di Roma
Print Friendly, PDF & Email

 

Controllo della temperatura all’aeroporto di Falconara

 

Coronavirus, i test per eventuali casi sospetti saranno effettuati direttamente all’ospedale dall’Unità di virologia dell’ospedale di Torrette ad Ancona. Da oggi è garantita l’esecuzione dei test che invece fino a ieri avrebbero dovuto essere effettuali allo Spallanzani di Roma. «Un ottimo risultato – commenta il presidente Luca Ceriscioli – realizzato in tempi davvero brevi». L’Unità di virologia degli Ospedali riuniti di Ancona, già riferimento regionale per esigenze di sanità pubblica come la diagnosi dei virus influenzali e le principali arbovirosi (Dengue, West Nile Virus, Zika Virus), di fronte a un caso sospetto di infezione, analizzerà i prelievi effettuati dalle Unità operative di malattie infettive delle Marche. A comunicarlo al presidente della Regione Luca Ceriscioli è stato il Gores (Gruppo operativo regionale per le emergenze sanitarie della Regione). Fino a ieri per le Marche era previsto che la diagnosi di nuovo Coronavirus fosse effettuata dallo Spallanzani di Roma, Patrizia Bagnarelli, dirigente biologa dell’Unità, spiega che il vantaggio più importante è in termini di tempistica: «Ci siamo subito attivati per essere autonomi nella diagnostica e conseguentemente permettere di gestire con rapidità gli eventuali casi che dovessero presentarsi nella nostra regione». Il Ministero della Salute è già stato informato ufficialmente del nuovo Centro regionale diagnostico di riferimento. «Stiamo dedicando la massima attenzione e mettendo in campo le più idonee e alte professionalità per affrontare l’evoluzione del nuovo Coronavirus – ha detto Ceriscioli –, con particolare attenzione ai punti più sensibili. All’Aeroporto di Falconara da ieri viene misurata la temperatura a tutti i passeggeri, in coordinamento con le direttive nazionali».

</

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X