facebook rss

Ceriscioli dopo lo stop di Conte:
«Resto convinto sia la scelta migliore
chiudere scuole e annullare manifestazioni»

CORONAVIRUS - In un nuovo video il governatore difende l'ordinanza dopo la conferenza stampa con il Gores e la telefonata in diretta del premier: «Attendiamo i provvedimenti della presidenza del consiglio, nelle Marche non c’è stato alcun caso di contagio al momento ma questo non ci permette assolutamente di abbassare la guardia»
Print Friendly, PDF & Email

 

«Io continuo a pensare e ad essere convinto che la cosa migliore sia chiudere le scuole ed annullare le manifestazioni». Sono le parole del governatore Luca Ceriscioli, che è tornato a parlare dell’emergenza relativa al Coronavirus nelle Marche dopo lo stop arrivato in diretta dal premier Conte (leggi l’articolo). E lo ha fatto con nuovo video in cui ribadisce quella che a suo avvisto considerava una scelta giusta: sospendere le lezioni e annullare ogni manifestazione pubblica. Il punto è che proprio mentre stava annunciando l’arrivo dell’ordinanza è arrivata una telefonata del presidente del Consiglio e il governatore è stato, suo malgrado, costretto a fare marcia indietro. E così in pochi minuti è stato il caos.  «E’ necessario fare chiarezza – dice ora Ceriscioli – le scuole di ogni ordine e grado delle Marche resteranno aperte fino a nuovo avviso, contrariamente a quanto deciso con una ordinanza regionale che prevedeva la chiusura di tutte le scuole come misura di prevenzione del Coronavirus perché la sicurezza dei cittadini, dai più piccoli ai più grandi, viene prima di tutto.

Luca Ceriscioli con Anna Casini e Angelo Sciapichetti durante la conferenza di oggi

Durante la conferenza stampa mentre illustravo i contenuti dell’ordinanza infatti, in una telefonata, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ha chiesto che tutte le Regioni domani mattina alle 10 si confrontino per coordinarsi e portare avanti le stesse iniziative. Io continuo a pensare e ad essere convinto che la cosa migliore sia chiudere le scuole ed annullare le manifestazioni dove la gente si concentra perché in questa fase dobbiamo bloccare ogni spazio dove il virus può espandersi.  – sottolinea il Governatore delle Marche – Domani comunque avremo gli aggiornamenti della situazione. Per quanto riguarda la Regione Marche, in ogni caso, da domani mattina sarà disponibile dalle 8 alle 20 il numero verde 800936677 per rispondere alle domande dei cittadini. Servirà come punto di informazioni con 4 linee a cui rispondono dei medici per dare risposte a chi ha bisogno di chiarimenti rispetto alla propria condizione di salute e alle proprie necessità. Ricordiamo che nelle Marche fino ad oggi non c’è stato alcun caso di contagio al momento, ma che questo non ci permette assolutamente di abbassare la guardia».

Articoli correlati

</

Sostieni Cronache Ancona

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Ancona lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Ca impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597
CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A
Intestatario: CM Comunicazione S.r.l
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page