facebook rss

Imprenditore positivo al Coronavirus:
tutti i dipendenti vanno in quarantena

CORONAVIRUS - Con tutti i 15 lavoratori in isolamento volontario, l'azienda - specializzata nelle produzione di stampi - ha deciso di stoppare temporaneamente l'attività
Print Friendly, PDF & Email

Il pronto soccorso dell’ospedale di Jesi

 

di Talita Frezzi

Un imprenditore jesino contagiato dal Coronavirus: in quarantena tutti i suoi dipendenti e l’azienda chiusa per almeno 14 giorni. Si estende il virus e si avvertono le prime avvisaglie di quella che rischia di diventare anche una emergenza economica oltre che sanitaria. A chiudere i battenti da ieri è un’azienda specializzata nella produzione di stampi, situata nella zona industriale al confine tra i Comuni di Monsano e Jesi. Il proprietario manifestava i sintomi del Covid-19 e il tampone cui si è sottoposto ha dato esito positivo. E’ stato quindi ricoverato in terapia intensiva all’ospedale “Carlo Urbani” di Jesi. Con le sue condizioni di salute, si è resa necessaria anche una posizione netta in azienda: con una direttiva interna, tutti i dipendenti, 15 persone tra responsabili dell’amministrazione e operai, sono stati messi in quarantena preventiva, avendo avuto contatti con l’imprenditore e avendo condiviso spazi comuni. Resteranno in isolamento per 14 giorni, se qualcuno dovesse accusare i sintomi del Coronavirus, dovranno sottoporsi al tampone. Inevitabile quindi la chiusura dell’azienda, lo stop alla produzione e alle commesse. A confermare la notizia è il sindaco di Monsano Roberto Campelli. «E’ stata certamente una scelta responsabile quella assunta da questo piccolo imprenditore che ha chiuso l’azienda viste le sue condizioni di salute e temendo che altri suoi dipendenti potessero essere stati contagiati. Ora la preoccupazione non è solo per la salute delle persone a fronte del rischio che salga il numero dei contagiati, ma anche per la situazione economica delle nostre piccole e medie imprese. Ma mentre sul fronte sanitario siamo in mano a ottimi professionisti, le ricadute economiche sono gravi e peggioreranno, oltretutto si innestano su una già difficile crisi economica, produttiva e dei consumi». Si allarga il numero dei contagiati in Vallesina: giovedì sera un altro jesino è risultato positivo al Covid-19. Si tratta di un ex medico ormai in pensione, 75 anni, ricoverato in gravissime condizioni al reparto di Rianimazione dell’ospedale Carlo Urbani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page