facebook rss

Risultato positivo dell’export nelle Marche,
Sabatini: «Europa e singoli stati
devono sostenere con forza le aziende»

ECONOMIA - Il valore complessivo del fatturato nel 2019 è stato di 12,1 miliardi di euro, con un incremento tendenziale del 3,2%. La preoccupazione del presidente della Camera di Commercio
Print Friendly, PDF & Email

 

Gino Sabatini

 

«Il risultato positivo dell’export non mi fa gioire – ha commentato il presidente della Camera di Commercio delle Marche Gino Sabatini- se lo guardo con gli occhi del presente, vedo con piacere che è aumentata la vocazione all’estero delle nostre aziende e, contemporaneamente, che dobbiamo spingere ancora molto per far crescere il numero delle aziende esportatrici. Se però guardo al medio periodo, ho la consapevolezza che la crisi sanitaria che stiamo affrontando e che, purtroppo, temo che interesserà molti altri Paesi europei, che continuano a essere i principali mercati di sbocco delle nostre merci, impone all’Europa e non solo ai singoli Stati membri interventi shock a sostegno delle aziende. Non credo che, ad oggi, nessuna regione italiana e nessun Paese europeo e penso nemmeno gli Stati Uniti possano ritenersi immuni da un contagio che sta prendendo, insieme, persone e aziende».

Il 2019 è stato un anno di crescita per l’export marchigiano: 12,1 miliardi di euro il valore complessivo del fatturato, con un incremento tendenziale del 3,2%. La rilevazione dell’Istat è in linea con il dato nazionale (+2,3%) ed evidenzia le performance delle province di Pesaro-Urbino (7,9% , circa 2,9 miliardi di euro ) e Ascoli Piceno (10% a 2,5 miliardi di euro); entrambe tuttavia, si ha ragione di ritenere, caratterizzate dalla condotta del settore nautico e farmaceutico.

Germania (1,2 mld. e -0,9%), Belgio (1,2 mld. e +18,3%, sia pure molto condizionato dal farmaceutico) e Francia (1,1 mld. e +2,8%) si confermano i primi tre mercati di sbocco, ma è “molto significativo” l’incremento dell’export verso gli Stati Uniti: 969,3 milioni con una crescita del 18,1%. Nella classifica frenano Spagna (-0,8%), Regno Unito (-6,3%) e Russia (-8,7%), mentre la crescita sulla Cina (+1,3% a 290,2 mln.) “sarà molto difficile – fa notare Sabatini – che possa essere confermata a fine 2020”.

Quanto ai settori, il tessile-abbigliamento-calzaturiero resta quello con la più alta vocazione all’export con poco meno di 2,2 miliardi di fatturato. «È il settore simbolo delle produzioni marchigiane – chiosa Sabatini -, che lo scorso anno ha perso oltre il 9% di introiti e per questa ragione va guardato e sostenuto nell’immediato perché centrale per la nostra economia e per la solidità delle nostre comunità». In negativo anche il mobile che registra un – 0,3%. Ha chiuso il 2019 in crescita, invece, la produzione di macchinari (1,9 miliardi e +1,9%); sostanzialmente stabili la meccanica di precisione (1,4 mld. e -0,7%) e gli articoli in gomma e plastica (647 milioni e -0,5%).

I dati relativi all’esport nelle Marche nel 2019

 

</

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X