facebook rss

Gli speculatori del Coronavirus:
su mascherine e gel rincaro del 4.000%,
irrompe la Guardia di Finanza

ASCOLI - Nei controlli delle Fiamme Gialle ascolane è incappata una profumeria di San Benedetto: titolare denunciato e merce sequestrata. Quattro persone nei guai, invece, per non aver rispettato le misure di contenimento del Coronavirus previste dal decreto "Io resto a casa"
Print Friendly, PDF & Email
I controlli delle Fiamme Gialle

 

di Andrea Ferretti

Nel corso dei controlli effettuati dalla Guardia di Finanza per il rispetto delle norme previste dal decreto “Io resto a casa”, sono incappate diverse persone. Quattro, tra cui un minorenne, sono state denunciate. Ma i controlli dei finanzieri non si sono limitati a quelli su strada, perchè hanno scoperto una profumeria di San Benedetto che vendeva mascherine e gel igienizzante a prezzi esorbitanti. Prezzi che, a detta del responsabile dell’esercizio, erano giustificati da un rincaro da parte delle ditte fornitrici addirittura del 4.000 per cento! Se non è già avvenuto, anche queste ditte saranno presto “visitate” dalla Finanza.

La merce – 250 mascherine e 30 flaconi da 100 ml di gel igienizzante per mani – non è una grande fornitura, ma la Guardia di Finanza ascolana provvederà sicuramente, quanto prima, a consegnarla a qualche persona responsabile che in queste ore ne possa fare buon uso. Il reato di cui il titolare della profumeria dovrà rispondere alla Procura della Repubblica di Ascoli è “manovre speculative su merci. Nei prossimi giorni vedremo di quale reato dovrà rispondere la ditta fornitrice. La caccia agli speculatori continua, e magari nelle prossime ore raggiungerà ad esempio chi sta vendendo a 5 euro mascherine di tipo “chirurgico” il cui costo reale si aggira intorno a qualche centesimo.

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X