facebook rss

«Pensiamo a un Reddito di Emergenza,
non possono essere
i più deboli a pagare»

COVID-19, LE PAROLE del senatore del M5S Mauro Coltorti: «I buoni spesa ai Comuni sono una prima risposta che sarà seguita, sulla base degli stessi criteri, ad ulteriori assegnazioni»
Print Friendly, PDF & Email

 

Mauro Coltorti

 

«Non possiamo permetterci che siano i più deboli a pagare gli effetti drammatici di questa situazione. Per questo stiamo pensando fin dall’inizio di questa fase eccezionale e imprevedibile a un Reddito di Emergenza, oltre che a una proposta che dia liquidità immediata sia alle famiglie sia alle imprese ed evitare così di paralizzare completamente il Paese». Sono le parole di Mauro Coltorti, senatore marchigiano dei Cinque Stelle, che annuncia anche che i 400 milioni assegnati ai Comuni per fronteggiare l’emergenza alimentare sono solo una prima risposta, a cui seguiranno ulteriori assegnazioni. «I buoni spesa – aggiunge – sono una prima risposta ad una situazione emergenziale che colpisce innanzitutto le famiglie. I 400 milioni stanziati grazie alla Protezione Civile potranno, infatti, essere utilizzati da subito per l’acquisto di beni di prima necessità e generi alimentari. L’emergenza Coronavirus sta colpendo duramente tutti ma in particolare le famiglie e coloro che hanno perduto il lavoro, magari precario o stagionale. Dobbiamo intervenire con urgenza per rispondere immediatamente ai bisogni dei cittadini. Nelle Marche il totale delle risorse a disposizione per i buoni spesa è di 9,3 milioni suddivisi, secondo le necessità, in 230 comuni. Una misura importante, in una regione già così duramente colpita dal sisma e che ha messo in ginocchio molte realtà produttive e imprenditoriali. E’ una prima risposta che sarà seguita, sulla base degli stessi criteri, ad ulteriori assegnazioni».

 

Coltorti punta il dito contro Ceriscioli: «La situazione sta esplodendo, medici in condizioni drammatiche»

Fondi ai Comuni, la ripartizione: dagli 875 euro per Bolognola ai 262.078 assegnati a Civitanova

«Una boccata d’ossigeno», «un primo passo», «no troppo poco» Le reazioni dei sindaci al decreto Conte

 

</

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X