facebook rss

Nuovo piano antenne e 5G:
Osimo punta a installarle
solo sulle aree pubbliche

TAVOLO tecnico per iniziare a redigere la pianificazione. «Sarà frutto di un percorso partecipato a partire dai soggetti gestori e che coinvolgerà le opposizioni mediante le consulte Attività produttive e Ambiente, anche i cittadini attraverso un tour nei quartieri» promette il sindaco Pugnaloni. Ma non mancano le polemiche
Print Friendly, PDF & Email

Il tavolo tecnico sul nuovo piano antenne del Comune di Osimo

 

 

Il Comune di Osimo mette mano ad un nuovo piano antenne, propedeutico anche al futuro avvento del protocollo 5G sul territorio comunale. «Il 5G per molti è uno spettro. Agita i nostri pensieri. Abbiamo il dovere di affrontare il problema. Noi ci siamo. Comunicare veloce è importante, ma la tutela della salute prima di tutto – scrive il sindaco Simone Pugnaloni in un post sui social network – Ieri Giunta al completo con il nuovo dirigente Ufficio speciale Edilizia ed Urbanistica, l’arch. Vecchietti che tra gli obiettivi ha la redazione del nuovo piano antenne ed il gruppo di lavoro neocostituito a collaborare con lei, il responsabile Suap Fabio Luna, l’Ing. Sarita Trotta e la responsabile ufficio Ambiente l’arch. Donatella Paciarotti. Obiettivo principale è arrivare ad una gestione pubblica degli spazi a disposizione per l’installazione delle antenne sul territorio comunale».

Il sindaco spiega che l’installazione sarà prevista «solo su aree pubbliche dove la contrattazione diviene solo istituzionale tra Comune e compagnie telefoniche, dove poter prevedere e far prevalere tutte le tutele di salute pubblica per gli osimani. Aree pubbliche che non possono però essere per legge parchi, scuole, impianti sportivi, ospedale e case di riposo. Un piano antenne che sarà frutto di un percorso partecipato a partire dai soggetti gestori e che coinvolgerà le opposizioni mediante le consulte attività produttive ed ambiente. Un tour nei quartieri sarà poi organizzato per ascoltare la cittadinanza. Provvederemo subito a convocare i gestori della telefonia mobile per una prima attività di confronto». Alla notizia, si è subito diviso il dibattito social tra favorevoli e contrari alle installazione di antenne 5G, tra chi punta alla implementazione della nuova tecnologia e tra chi, sul territorio osimano, attende ancora di essere servito dalla fibra.

Le Marche dicono no al 5g, approvata la mozione Bisonni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X