facebook rss

Traffico di droga e ricettazione:
sequestrati immobili per 450mila euro

FALCONARA - Nei guai un pregiudicato di origine rom a cui sono stati messi sotto chiave tre appartamenti e un negozio. L'operazione è stata condotta dalla Guardia di Finanza
Print Friendly, PDF & Email

Immobili comprati con attività illecite: scatta il sequestro della Guardia di Finanza. Ad essere colpito, un cittadino di origine rom di 60 anni, residente a Falconara. Sotto chiave, sono finiti tre appartamenti e un negozio, immobili intestati ai familiari del 60enne. I militari del Gico hanno passato in rassegna le attività finanziarie compiute dal rom, pregiudicato, negli ultimi 14 ore. Troppa la discrepanza tra il reddito reale e quanto dichiarato al fisco. Il valore dei beni sequestrati ammonta a circa 450mila euro. Il 60enne, nell’arco di un ventennio, è stato denunciato e in alcuni casi condannato per una serie di reati che vanno dal furto alla ricettazione per approdare, più di recente, al traffico di sostanze stupefacenti. Le indagini economico-finanziarie sviluppate nei confronti del destinatario della misura di prevenzione – che hanno riguardato anche il nucleo familiare costituito da otto persone – hanno permesso alla procura di avanzare apposita richiesta al tribunale dorico che, in accoglimento, ha ordinato il sequestro di quattro immobili, tutti ubicati nel comune di Falconara marittima, formalmente intestati ai familiari del 60enne. In, particolare si tratta di un appartamento di 8 vani intestato a uno dei figli di 38 anni, un altro appartamento di vani 5,5 intestato alla figlia di 32 anni, nonchè altri due immobili intestati ad un altro figlio 24 anni e costituiti da un appartamento di 2 vani e da un negozio. Le indagini hanno permesso di ricostruire il profilo del capofamiglia, ipotizzando l’acquisto degli immobili come conseguenza dei soldi ottenuti con le attività illecite. Stando alle indagini la ricchezza manifestata non avrebbe trovato alcuna giustificazione plausibile nelle fonti di reddito lecite dichiarate.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X